Prepensionamento amianto ferrovieri: il 2 marzo termine ultimo domanda INPS

Prorogati i termini: aggiornamento amianto ferrovieri

Amianto ferrovieri: epidemia di malattie asbesto correlate tra i ferrovieri: l'Osservatorio Nazionale Amianto ONA tutela i diritti delle vittime Ferrovie dello Stato asbesto. 

Ci si può rivolgere allo Sportello Unico Nazionale ONA per ottenere i seguenti diritti:

 

  • benefici contributivi esposizione amianto
  • benefici contributivi ferrovieri malati amianto (art. 13 comma 7, Legge 257/1992)
  • prepensionamento / pensionamento immediato ferrovieri malati amianto
    • asbestosi prepensionamento 
    • tumore ai polmoni prepensionamento
    • mesotelioma ferrovie prepensionamento
  • riconoscimento INAIL malattie amianto
  • risarcimento danni lavoratore Ferrovie dello Stato vittima amianto
  • risarcimento danni famigliari ferrovieri vittime amianto

Amianto ferrovieri: prorogati i termini in scadenza il 2 marzo 2018

Inizialmente, c’era tempo fino al 2 marzo 2018 per presentare la domanda per il bonus pensionistico per esposizione all’amianto. I termini per accedere al pensionamento sono stati prorogati. Per saperne di più consulta la pagina Prepensionamento Ferrovieri.

 

I destinatari sono i lavoratori  del settore della produzione di materiale rotabile ferroviario che hanno prestato la loro attività nel sito produttivo, senza essere dotati degli equipaggiamenti di protezione adeguati all'esposizione alle polveri di amianto, durante le operazioni di bonifica. A ricordarlo è il messaggio Inps del 15 febbraio 2018, n. 696, che fornisce le istruzioni per la presentazione della domanda per il riconoscimento dei benefici previdenziali a seguito delle novità contenute nella legge di Bilancio 2018, che ha parzialmente modificato l'art. 1 comma 277 della L. 28.12.2015 n. 208. 

Successivamente, il termine è stato prorogato.

 

Amianto ferrovieri: circolare INPS n. 46. Proroga dei termini

La circolare Inps n. 46, pubblicata il 14 marzo 2018, fornisce istruzioni ai lavoratori per ottenere il riconoscimento di benefici previdenziali per il prepensionamento amianto. È una misura circoscritta ai lavoratori della produzione di materiale rotabile ferroviario, che sono stati esposti amianto privi di adeguate misure di sicurezza per la salute, rispetto al rischio asbesto. Nel documenti inps, sono indicate le istruzioni per ottenere il diritto al beneficio amianto e di certificazione esposizione amianto. Il beneficio pensionistico è riconosciuto a partire dal 1° gennaio 2018 a condizione che alla domanda sia allegata la documentazione probante e soltanto dopo apposito accertamento eseguito dall’INAIL.

La nuova Legge amianto si applica ai:

 

  • lavoratori siti produttivi amianto ferrovie stato privi di equipaggiamenti di protezione asbesto;
  • lavoratori assicurati inail;
  • siano ancora in attività oppure privi di pensione.

Assistenza legale amianto ferrovieri

Amianto ferrovieri - assistenza legale: l'Avv. Ezio Bonanni ti guida per ottenere il diritto all'immediato pensionamento, sulla base della circolare INPS n. 48 del 2018. 

Consulenza legale gratuita dell'ONA

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

La precedente circolare INPS

L’amianto è stato massicciamente utilizzato nel settore ferroviario e nei mezzi di trazione e rotabili utilizzate dal Gruppo Ferrovie dello Stato. Pertanto, tutti i lavoratori impegnati nei siti produttivi ferroviari, sono stati professionalmente esposti ad amianto e quindi sono a rischio di patologie asbesto correlate. 

E’ opportuno, tuttavia, porre l’attenzione sulla particolarità della misura: da quanto si evince dal testo di legge (art. 1, comma 277, L. 208/15, come modificato dall’articolo 1 comma 246 Legge 205/17), la disposizione sembrerebbe essere circoscritta per un solo sito lavorativo, ovvero quello della Breda di Pistoia. Tuttavia è opportuno che tutti i lavoratori ferrovieri depositino la domanda entro il 2 marzo 2018, poiché le limitazioni imposte con gli atti amministrativi (messaggio Inps) sono illegittime e la Magistratura le può disapplicare, estendendo i benefici a tutti i lavoratori del settore ferroviario.

L’Osservatorio Nazionale Amianto, in caso di rigetto delle domande di prepensionamento, presenterà ricorso al giudice del lavoro e, a sua volta, alla Corte Costituzionale, con l’obiettivo di ottenere l’identica applicazione di prepensionamento e l’aumento della pensione per tutti i lavoratori ferrovieri.

La richiesta del bonus pensionistico da parte di tutti i lavoratori del settore ferroviario esposti ad amianto è una ottima contromisura per richiedere l’annullamento del discriminante, affinché la misura legislativa sia applicata a tutti i lavoratori del settore ferroviario italiano”, ha commentato l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto.

L’ONA, attraverso uno staff medico specializzato e il supporto legale dell’Avv. Bonnanni offre assistenza medica e legale a tutti i lavoratori esposti ad amianto e a rischio di patologie asbesto correlate.  Per maggiori informazioni contattare il numero verde 800 034 294, oppure visitando il sito www.osservatorioamianto.com.


Scrivi commento

Commenti: 0