Tutte le patologie da amianto

L'asbesto (sinonimo amianto) indica un insieme di minerali naturali fibrosi (silicati, o sali di silicio) estratti in forme diverse (ci sono diversi tipi di amianto: crisotilo, serpentino, tremolite, etc.). Le fibre di asbesto, inalate o ingerite, penetrano nel corpo e si depositano negli alveoli polmonari (amianto nei polmoni) provocando insorgenza di adenocarcinoma pleurico, oltre che negli altri organi, provocando infiammazioni che possono degenerare in malattie tumoralicancro o tumore da amianto, asbestosi e mesotelioma (cancro pleura, al peritoneo al pericardio e alla tunica vaginale del testicolo), oltre a al tumore della laringe (adenocarcinoma laringe), tumore o cancro alla vagina (tumore amianto eternit), amianto cancro del colon, malattie stomaco e altre patologie tumorali.


Assistenza gratuita per tutte le patologie asbesto correlate

È possibile ottenere assistenza legale gratuita per le amianto malattie correlate, sia online attraverso lo Sportello Amianto che presso le nostre sedi territoriali 

L'ONA offre assistenza medica gratuita, grazie ai medici volontari, e assistenza legale gratuita, grazie al team di avvocati online gratis guidati dal presidente ONA, Avv. Ezio Bonanni. Per approfondire:

L'ONA assiste tutte le vittime di malattie amianto correlate per la diagnosi, terapia e cura e la tutela dei diritti.

Contattaci e chiedi la

consulenza e assistenza gratuita

numero verde gratuito osservatorio nazionale amianto

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti


Malattie professionali: cosa sono?

 L’INAIL (Istituto Nazionale per l’assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) ha definito la malattia professionale (o “tecnopatia”) come una “patologia la cui causa agisce lentamente e progressivamente sull’organismo (causa diluita e non causa violenta e concentrata nel tempo)”. La malattia professionale è quindi una patologia, con una causa diretta ed efficiente (cioè in grado di produrre l’infermità in modo esclusivo o prevalente), contratta nell’esercizio e/o insorta a causa delle lavorazioni rischiose, così come riportato nel Testo Unico.

Nell’insorgenza delle malattie professionali è contemplato anche il concorso di cause extraprofessionali, purché non interferiscano con il nesso causale in quanto capaci di produrre da sole l’infermità.

Per essere definita malattia professionale, quindi, è necessario che l’infermità abbia un rapporto causale o concausale, diretto con il rischio professionale. Il rischio professionale può consistere sia dal tipo di lavorazioni svolte, sia dall’ambiente in cui vengono svolte le lavorazioni (in questo caso si parla di “rischio ambientale”).

La malattia professionale si differenzia dalla comune malattia, in quanto quest’ultima di solito non correlata al lavoro, come per esempio la sindrome influenzale, e va distinta dall’infortunio, che è un evento traumatico che si verifica durante l’orario di lavoro, in maniera violenta e concentrata nel tempo (al contrario del “lentamente e progressivamente” delle tecnopatie, caratteristica che rende la diagnosi spesso difficile e non tempestiva). L’inizio della malattia professionale viene fatto solitamente decorrere dal primo giorno di assenza dal lavoro per una causa correlata a quella che verrà poi accertata come malattia professionale.

I requisiti di una malattia per essere classificata come professionale sono:

  • Essere causata dall’esposizione a determinati rischi correlati al tipo di lavoro, come il contatto con polveri e sostanze nocive, rumore, vibrazioni, radiazioni, o misure organizzative che agiscono negativamente sulla salute
  • Il rischio deve agire in modo prolungato nel tempo e quindi la causa deve essere lenta.

È questo il caso delle malattie provocate dalla inalazione a polveri e fibre di asbesto (sinonimo amianto), potente agente cancerogeno che agisce sull’organismo umano con tempi di latenza che possono arrivare anche a 30/40 anni. Queste malattie vanno sempre riconosciute e indennizzate da INAIL.

L’ONA ti assiste in tutto il percorso per il riconoscimento della malattia professionale amianto correlata.

Patologie riconosciute da INAIL nella Lista I

Le polveri e fibre di amianto (significato asbesto) sono altamente cancerogene per l'essere umano. Ci sono diversi tipi di amianto e tutte sono indicate come alcune delle principali cause tumori, cancro cause. Come già ribadito e unanimemente condiviso dal mondo medico e scientifico, il cancro o tumore da asbesto (malattia tumore) può colpire colpire diversi organi del corpo umano e provocare anche complicazioni cardiache, patologie cardiocircolatorie e malattie cardiovascolari.

L'INAIL ha ricompreso alcune patologie tumorali, alcune malattie tumorali da esposizione ad asbesto di origine professionale (malattia del lavoro) in 3 Liste (lista malattia professionale INAIL) (malattia professionale indennizzo - pensione tumore).

Nella lista I sono contemplate le malattie asbesto (amianto malattie correlate) la cui origine lavorativa è di "elevata probabilità": 

La norma non fa riferimento ad alcun limite del grado invalidante e non contiene limiti di soglia, a differenza del riconoscimento dei benefici contributivi, ex art. 13 co. 8 l. 257/92.

Le patologie contemplate nella tabella I delle malattie professionali riconosciute dall’INAIL, infatti, sono assistite da presunzione legale di origine, in forza della quale la sola presenza dell'agente patogeno nell’ambiente lavorativo ne determina il diritto al riconoscimento e dunque all’indennizzabilità (anche ai sensi di Cass., Sez. lav., n. 30438/2018). In ogni caso, è sufficiente anche al fine di ottenere la certificazione di esposizione ad amianto ex art. 13 comma 7 L. 257/1992, e dunque la rivalutazione amianto dall’INPS, anche nella non creduta ipotesi in cui grado invalidante della patologia fosse ritenuto inferiore al 6% (sempre Cass., Sez. lav., n. 30438/2018) (risarcimento amianto inail). 

Per queste malattie è quindi sufficiente la prova della presenza dell'asbesto amianto nell'ambiente lavorativo per ottenere il riconoscimento delle prestazioni previdenziali, senza dover superare alcune valore limite amianto (Cass., Sez. Lav., n. 23653/16) (risarcimento malattia professionale).


Asbesto: significato e diagnosi

Asbesto significato: l' asbesto dervia dal termine greco asbestos che tradotto in italiano indica "indistruttibile" o "inestinguibile".

L'asbesto è  anche detto amianto (asbesto significato) e appartiene alla famiglia dei silicati naturali e causa tumori. Le sue caratteristiche strutturali e di resistenza al calore lo rendono utile per l'inclusione in materiali per l'edilizia e le imbarcazioni, dei freni delle automobili ed in alcuni tessuti. Il crisotilo (una fibra a serpentina), la crocidolite e l'amosite (fibre amfibole o rettilinee) sono i 3 principali tipi di amianto che provocano la malattia (cause tumori - tumori cause).

L'asbestosi è una forma di fibrosi interstiziale polmonare causata dall'esposizione all'amianto. La  una conseguenza molto più frequente dopo esposizione all'amianto rispetto all' amianto cancro. Fra i molti lavoratori a rischio di tumore amianto eternit, troviamo i lavoratori dei cantieri navali, dell'industria tessile e dell'edilizia, i ristrutturatori di case, gli addetti alla bonifica dell'asbesto e i minatori esposti alle fibre di asbesto. Un'esposizione secondaria si può verificare tra i familiari dei lavoratori esposti e tra le persone che vivono vicino alle miniere.

Asbestosi

La diagnosi di asbestosi si basa sulla storia dell'esposizione all'amianto e alla RX del torace o alla TC ad alta risoluzione. La RX torace mostra opacità reticolari lineari che indicano la fibrosi, solitamente nella periferia dei lobi inferiori. Le opacità sono spesso bilaterali e sono spesso accompagnate da alterazioni pleuriche ( Malattie pleuriche correlate all'asbesto), le placche pleuriche sono pressoché patognomoniche di una precedente esposizione all'amianto. L'aspetto a nido d'ape indica una malattia avanzata, che può interessare i campi polmonari medi e inferiori. Come per le silicosi, la gravità è misurata mediante la scala dell'International Labor Organization (classificazione internazionale radiografica di pneumoconiosi [International Classification of Radiographs of Pneumoconioses]) basata sulla dimensione, sulla forma, sulla localizzazione e sulle quantità degli addensamenti. L'asbestosi provoca opacità reticolari prevalentemente ai lobi inferiori. La dimostrazione delle fibre di asbesto indica asbestosi nei pazienti con fibrosi polmonare, tuttavia può essere riscontrato amianto nei polmoni (che può far insorgere anche un adenocarcinoma pleurico) di persone esposte ma non malate, e possono non essere presenti nei campioni di pazienti con asbestosi.

Cancro e tumore

 Il termine tumore (dal latino “tumor”, «rigonfiamento», o il sinonimo neoplasia, dal greco νέος, nèos, «nuovo», e πλάσις, plásis, «formazione») indica una massa di tessuto, maligna o benigna, formata da cellule che si riproducono in modo anormale e incontrollato, crescendo in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, invadendoli ed eventualmente diffondendosi in una o più aree anatomiche diverse da quella di partenza, creando le metastasi. Questa crescita incontrollata è causata dalle alterazioni del patrimonio genetico delle cellule (sbilanciamento tra l’azione dei geni oncogeni, alla base del tumore, e quella degli oncosoppressori, che hanno la funzione di contrastarne gli effetti rallentando la replicazione delle cellule, riparando le mutazioni e programmando l’apoptosi, cioè la morte della cellula con geni mutati).

Cause cancro:  all’origine di un tumore possono esserci delle mutazioni ereditarie (geni oncogeni), cioè ereditate da uno o entrambi i genitori, che possono anche solo aumentarne il rischio relativo di insorgenza rispetto al rischio di base di chi non le ha (la cosiddetta “predisposizione genetica”). In presenza di mutazioni ereditarie è quindi sufficiente una quantità minore di danni al DNA per innescare il processo di formazione e sviluppo del cancro. Il DNA cellulare contiene informazioni su come le cellule debbano crescere e moltiplicarsi. Quando queste informazioni vengono danneggiate vengono recepite come errore trasformando una cellula in cellula cancerosa.

La presenza contemporanea di più mutazioni è sicuramente la principale delle cause cancro. La presenza di alcuni geni alterati rappresenta quindi la prima delle principali tumori cause.

Giocano un ruolo fondamentale gli acidi nucleici detti micro RNA (miRNA) che influiscono sulla trascrizione e traduzione delle informazioni genetiche. Queste tumori cause (cancro cause) sembrano essere particolarmente influenzate dall'invecchiamento e da uno stile di vita poco sano e corretto.

In base al tipo di proliferazione, i tumori si dividono in epiteliali, mesenchimali, delle cellule del sangue o del tessuto nervoso. In base all’aggressività e al decorso clinico, i tumori possono essere benigni o maligni e, in caso di tumore maligno, si applica come metodo di classificazione la stadiazione tumorale o classificazione TNM. La branca della medicina che studiare i tumori è l’oncologia.

Le sostanze che causano mutazioni del DNA sono dette mutagene e note come agenti cancerogeni. Alcuni mutageni sono anche cancerogeni, ma alcuni agenti cancerogeni non sono mutageni. Determinate sostanze sono state associate a tumori specifici, come nel caso del fumo di sigaretta con il tumore al polmone e l’asbesto (sinonimo amianto) con il mesotelioma, l’asbestosi, il cancro al polmone e altre neoplasie. Si stima che i tumori professionali (legati all’attività di lavoro) siano tra il 2% e il 20% di tutti i casi, con almeno 200.000 decessi ogni anno nel mondo. La maggior parte dei decessi per cancro causato dall’esposizione professionale a cancerogeni si verifica nel mondo sviluppato: milioni di lavoratori rischiano di contrarre tumori come il cancro del polmone e il mesotelioma a causa dell'inalazione di polveri e fibre di amianto, o la leucemia per l'esposizione al benzene sul posto di lavoro.

 

Patologie riconosciute da INAIL - Lista II e III

Nella LISTA II sono comprese le malattie da amianto la cui origine lavorativa è di limitata probabilità:

Per le malattie professionali amianto della LISTA II la vittima deve dimostrare il nesso causale per poter ottenere le prestazioni INAIL (rendita e/o indennizzo risarcimento, pensione tumore, se il grado di invalidità riconosciuto è inferiore al 16%) (risarcimento danni Inail).

La lista III comprende solo una malattia tumore, ovvero il tumore all’esofago, la cui origine lavorativa è ritenuta possibile (malattia cancro). Per approfondire:


Altre patologie asbesto correlate

L'opinione pubblica è ancora inadeguatamente informata sul fatto che l'amianto causa amianto malattie correlate come:  tumore, problemi amianto, danni da amianto e patologie tumorali da asbesto. La letteratura scientifica, rispetto alle rilevazioni Inail, ha individuato altre malattie provocate dall amianto che si manifestano anche dopo 10, 15, 20 e addirittura 40 anni dopo esposizione alle fibre, cause tumore, tumori cause, oltre al cancro polmonare (malattia tumore) per amianto nei polmoni (amianto tumore polmonare e amianto polmoni), all'asbestosi (asbestosi malattia professionale), al mesotelioma, cancro pleura e altre malattie tumori amianto).

La revisione della letteratura ha quindi dimostrato che l'asbesto provoca anche altre malattie, che quindi vanno indennizzate dall'Inail (risarcimento danni amianto inail), con diritto al prepensionamento, e risarcite dal datore di lavoro: 

  • tumore  al cervello (Malattia al cervello - Robinson et al., 1999; Omura,2006; Graziano et al., 2009; Reid et al., 2012 - Omura test);
  • Tumore  alla colecisti (Moran, 1992);
  • Tumore al Colon-retto (Bianchi et al., 2007; Manzini et al., 2010; Reid et al., 2012);
  • Tumori Emolinfopoietici (Robinson et al., 1999; Omura, 2006; Bianchi et al., 2007; Graziano et al., 2009; Reid et al., 2012 - Omura test);
  • Tumore  all' esofago (Kanarek, 1989; Omura, 2006 - Omura Test);
  • Tumore alla laringe-lingua - adenocarcinoma laringe (Omura, 2006; Manzini et al., 2010 - Omura Test);
  • Tumore alla mammella (Selikoff, 1974; Feigelson et al., 1996; Fear et al., 1996; Robinson et al., 1999; Omura 2006 & 2010 - Omura test);
  • Tumore all'Ovaio (Heller et al., 1996; Heller et al., 1999): amianto malattia;
  • Pancreas (Moran, 1992; Kanarek, 1989): malattia da amianto;
  • Tumore alla prostata (Moran, 1992; Feigelson et al., 1996; Stellman et al., 1998; Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003;  Bianchi et al., 2007; Reid et al., 2012);
  • Cancro al rene (Bianchi et al., 2007);
  • Tumore al testicolo cancro amianto: Manzini et al., 2010);
  • Tumore alla tiroide (Manzini et al., 2010);
  • Tumore alla vagina-Vulva - cancro alla vagina (Pukkala & Saarni, 1996) (l'ingestione di acqua potabile contaminata porta le fibre di amianto in tutti i tessuti-organi interni, compresa vagina, con insorgenza dell'adenocarcinoma ovarico  - Omura, 2006; Heller et al., 1999 - Omura test);
  • Tumore alla vescica (Bianchi et al., 2007; Graziano et al., 2009; Manzini et al., 2010; Pavone et al., 2012);
  • Cancro alla pleuram - adenocarcinoma pleurico (Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003; Graziano et al., 2009; Bayram et al., 2012; Reid et al., 2012);
  • Tumore al polmone - adenocarcinoma pleurico, tumore dell'amianto, amianto tumore polmonare (Selikoff, 1974; Moran, 1992; Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003; Graziano et al., 2009);

A tutti i tipi di tumore e tumori amianto si aggiungono anche patologie degenerative, non tumorali, sempre malattie amianto:

  • Miocardiopatia (Omura, 2006; Reid et al., 2012 - Omura Test);
  • Morbo di Alzheimer, autismo (Omura test, 2006) (l'esposizione ad asbesto può aggravare le condizioni di base da cui insorge il morbo di Alzheimer);
  • Sclerosi Laterale Amiotrofica (Omura, 2006);
  • Fibromialgia
  • Problemi cardiovascolari (Omura, 2006).     

Per approfondire sulle patologie e altri tipi di tumore:

Diritti delle vittime

Tutte le vittime di patologie tumorali, malattia professionale asbesto correlata hanno diritto a malattia professionale risarcimento, malattia professionale indennizzo amianto e ai risarcimenti Inail:

  • Indennizzo malattia professionale del danno biologico;
  • Rendita Inail per malattia professionale asbesto correlata;
  • Riconoscimento causa di servizio (causa amianto) (vittime amianto risarcimenti)
  • Riconoscimento di Vittima del Dovere (Forze Armate e Comparto Sicurezza); 
  • Risarcimento inail di tutti i danni da amianto subiti, sia dal lavoratore malato, sia dai suoi famigliari (amianto danni). 
  • Benefici contributivi (risarcimento contributivo) per esposizione ad asbesto per lavoratori affetti da malattia amianto (art. 13 comma 7 Legge 257/92);
  • Pensionamento immediato (art. 1, comma 250, Legge 232/16) per le vittime di tumore polmonare (amianto tumore polmonare), mesotelio o asbestosi malattia professionale che con le maggiorazioni contributive (art. 13, comma 7 Legge 257/92), non raggiungono l'età e i requisiti per il pensionamento.

Risarcimento danni

I lavoratori esposti ad asbesto (cause tumore) affetti da cancro, malattia o tumore amianto e altri tipi di tumore hanno diritto all'indennizzo INAIL (indennizzo risarcimento, risarcimento danni Inail) e al risarcimento integrale dei danni dell'amianto (differenziali e complementari, che si aggiungono al risarcimento danni amianto Inail), a carico del datore di lavoro. Per approfondire sull'indennizzo significato:

Risarcimento danni per gli eredi

Anche i famigliari delle vittime di tumore da amianto hanno diritto al risarcimento dei danni (amianto risarcimento danni - risarcimento Eternit - problemi amianto).

Gli eredi possono agire per ottenere il risarcimento danni dell'amianto (risarcimento inail) per i danni subiti personalmente (iure proprio) e per quelli subiti in seguito alla morte del congiunto (iure hereditario), ed ottenere la liquidazione malattia professionale e dei danni subiti sul luogo di lavoro (amianto malattia professionale, risarcimento danni amianto eredi defunto).

In caso di decesso, le somme dovute alla vittima primaria per malattia professionale risarcimento (risarcimento amianto Inail) vanno liquidate agli eredi legittimi o testamentari (risarcimenti amianto eredi defunto).

Per approfondire anche sull'indennizzo significato: 



Amianto danni alla salute

L’esposizione ad asbesto (amianto significato) o a più cancerogeni potenzia l’effetto dell'asbesto causa tumore, tumore amianto eternit (cause tumori), problemi amianto, moltiplicandone gli effetti e quindi aumentando il rischio di insorgenza di patologie da asbesto (amianto malattie correlate).

Il Prof. Giancarlo Ugazio (comitato tecnico scientifico ONA), nella sua pubblicazione “La triade interattiva del mondo inquinato contro la salute” (Aracne Editore) spiega come le fibre di asbesto siano dannose alla vita umana, sia se inalate, sia se ingerite (Omura, 2006). Il tutto è stato confermato da numerosi studi scientifici relativi a casi di patologie asbesto correlate non comprese negli elenchi classici, in cui sono classificate solo le malattie da asbesto come il cancro al mesotelio, il cancro polmonare, l'asbestosi (asbestosi inail), le placche pleuriche e gli ispessimenti pleurici (malattia della pleura).

La cancerogenesi da asbesto è potenziata dall’azione sinergica di metalli pesanti (cause tumore): il cromo esavalente, il mercurio, lo zinco, l’arsenico, il selenio, come anche di microrganismi (Candida Albicans, Citomegalovirus, Clamidia Trachomatis, Helicobacter Pylori) (Omura, 2006), e se viene somministrato il ferro, si altera quel delicato e prezioso equilibrio della bilancia perossidativa nei tessuti,  con ulteriore danno.

 

Patologie da amianto

Le fibre di asbesto che penetrano nell’organismo dall’apparato respiratorio o per via gastro-intestinale (ingerite per esempio insieme ad acqua potabile inquinata da asbesto per la presenza di tubazioni di Eternit), possono provocare l'insorgenza di malattia amianto patologie  (malattie da lavoro) anche dopo molti anni dalla prima esposizione che causa tumore (anche stomaco malattie).

Le fibre di asbesto, soprattutto quelle di lunghezza inferiore a 10 μm, superano le barriere naturali dell’organismo e la mucosa delle prime vie aeree contaminando la faringe e la laringe (adenocarcinoma laringe), scatenando una infiammazione che può portare a diversi tipi di cancro malattie da asbesto.

Oltre alla malattia tumorale sono riconducibili agli effetti amianto anche amianto leucemia. 

La circolazione delle fibre nel corpo

L'asbesto causa tumori perché entra nel circolo ematico e, in alcune circostanze, in quello linfatico, ovvero ovunque il circolo capillare periferico fornisce ai tessuti l’ossigeno e gli altri metaboliti indispensabili per la vita, e li liberi dai cataboliti tossici (anidride carbonica e urea). Per questo è tra le cause tumori. Di conseguenza, dopo l’esposizione e l’assorbimento delle fibre di asbesto, queste possono essere trasportate in ogni punto del corpo provocando malattia tumorale. 

La distribuzione ubiquitaria in tutti gli organi del corpo è dimostrata dalla localizzazione nella maggior parte degli organi del corpo umano della presenza dei corpuscoli dell’asbesto, riscontrata con esami autoptici sui tessuti dei lavoratori defunti (Rom, 1983; Ugazio, 2012).

Il reperto di queste formazioni microscopiche è la prova che l'asbesto provoca danni progressivi, problemi amianto: una prima tappa è la risposta flogistica (di tipo cronico, fibrotico, non acuto, purulento) dei tessuti contro le fibrille che, ab initio, si comportano essenzialmente come microscopici corpi estranei.

L'amianto cosa provoca secondo la letteratura scientifica. Secondo gli esperti quest’azione patogena si realizza attraverso un danno della molecola del DNA del nucleo delle cellule mediante un’azione perossidativa (Voytek et al. 1990). 


Amianto e tumori

In seguito all’innesco molecolare della cancerogenesi nei tessuti dei soggetti esposti ad asbesto, s’instaura un processo competitivo tra i cancerogeni e i meccanismi naturali di difesa contro i tumori da asbesto. Se, in dipendenza dalla dose di minerale assunta (body burden), che dipende dalla concentrazione del minerale nell'ambiente di lavoro o di vita, e dal tempo di esposizione a esso (periodo di latenza), la cancerogenesi prevale sulle difese, è inevitabile l’insorgenza di un tumore da Eternit o cancro maligno (amianto cancro). Per questo motivo non solo i classici tumori da amianto, ma anche altri tipi di cancro malattia vanno riconosciuti, con risarcimento malattia professionale amianto e risarcimento danni amianto Inail.

L'amianto quindi causa tumore o cancro. Il tumore amianto può essere localizzato sia nel torace e nei tessuti dall'apparato respiratorio, sia negli altri organi come malattia al cervello (malattia al cervello: glioblastoma multiforme e astrocitoma), prostata (carcinoma), l’ovaio (adenocarcinoma), tessuti emolinfopoietici (amianto leucemia, linfomi), etc.

In tutti questi casi i lavoratori vittime di Eternit tumore hanno diritto al riconoscimento e risarcimento malattia professionale amianto (risarcimento danni amianto inail) e all'indennizzo malattia professionale per malattia lavoro (indennizzo amianto).


Effetti dell'asbesto sul corpo umano

L'amianto cosa provoca: secondo gli scienziati della Columbia University (Omura, 2006) di NYC, contro la generale credenza secondo cui, quando l’asbesto si è accumulato dentro il corpo, è difficile rimuoverlo, è possibile invece attuare degli strumenti di prevenzione dei tumori da asbesto ed evitare quindi l'insorgenza di cancro da amianto e tumore Eternit (tumore dell'amianto).

Gli anni di latenza si riducono a meno di cinque anni dall'esposizione alle fibre di asbesto se l'esposizione Eternit è intensa: come per le persone che lavoravano vicino al Ground Zero reliquato del crollo delle Torri Gemelle del World Trade Center  vittime di tumore alla pleura da amianto (Omura, 2006). 

Sono sufficienti anche meno di cinque anni per ammalarsi di tumore pleura amianto (dall’11 settembre 2001 al 15 maggio 2006), oltre che di asbestosi (asbestosi inail - risarcimento danni amianto inail), provocate dalle fibre di asbesto (cause tumori). I soccorritori sono stati esposti a fibre e nanotubi di carbonio (Wu et al., 2010). C'è in questi casi la malattia amianto e il diritto all'indennizzo ai risarcimenti amianto (indennizzo amianto).

Omura (2006) ha riferito che l’azione patogena dell’asbesto comporta danni dell'amianto (amianto danni) per aumento della sua concentrazione nei tessuti, da un valore basale di 5 μg nei tessuti normali a 0,2-0,6 mg (talora a 2,0 mg) espressa in unità BDORT (Bi-Digital-O-Ring-Test) (Omura, 2006), accompagnato dalla drastica diminuzione del telomero delle cellule normali e dall’incremento del telomero delle cellule cancerose.

Due precisazioni: 1) Il BDORT consiste in una prova in cui un anello formato con apposizione energica del pollice di una mano con una delle altre dita della stessa mano (2o, 3o, 4o, 5o) è aperto per il rilassamento della tensione muscolare del soggetto esaminato, dovuto al fenomeno della risonanza con l’identità e la quantità della specie molecolare evocata dall’esaminatore che, da parte sua, opera una sollecitazione per il rilascio dell’anello bidigitale (cfr. BDORT, in Internet.) 2) Il telomero è la regione terminale dei cromosomi lineari composta di DNA altamente ripetuto, che non codifica per alcuna proteina, ma che ha un ruolo importante nell'evitare la perdita d’informazioni durante la duplicazione dei cromosomi, un danno che, tra l’altro, caratterizza il fenomeno dell’invecchiamento.

Nel corso degli ultimi anni, gli scienziati della Columbia University hanno elaborato e collaudato una combinazione di cinque agenti terapeutici mutualmente compatibili (cilantro, amoxicillina, acidi grassi poli insaturi, sostanza zeta e acido caprilico) che riducono l’asbesto, i metalli pesanti nei tessuti e quindi rimuovono degli agenti patogeni dal tessuto che vengono espulsi con l'urina (Omura et al., 2010b). 

Il Prof. Ugazio ha condiviso le tesi del Prof. Yoshiaki Omura, sulla possibilità di poter rimuovere l'amianto presente nell'organismo umano ed evitare così l'insorgenza di malattie provocate dall amianto e quindi anche dei tumori da amianto (amianto tumori - tumore o cancro). 


Home >> Malattie da amianto >>Tutte le patologie da amianto