>>Home>>Asbesto-Amianto

ASBESTO - AMIANTO

L'asbesto è anche detto amianto. Con questi termini si indicano quei minerali inosilicati (serie degli anfiboli) e del gruppo dei fillosilicati (serie del serpentino), che per le loro qualità, ed il basso costo, sono stati utilizzati in Italia fino all'entrata in vigore della Legge 257 del 1992, e ancora nel mondo, essendo stati banditi soltanto da una sessantina di Paesi.

Che cosa sono i minerali di amianto/asbesto?

I minerali di amianto/asbesto hanno la capacità di suddivisione longitudinale in fibrille, lunghe e flessibili e sempre più sottili e sono perciò stesso facilmente inalabili.

È possibile classificare i minerali di amianto in due principali gruppi: il serpentino, nel quale può essere annoverato il crisotilo, detto “amianto bianco”, e gli anfiboli (dal greco αμφίβολος e dal latino amphibolus = ambiguo) di cui fanno parte: l’actinolite, l’amosite, la crocidolite, la tremolite o amianto grigio – verde – giallo e l’antofillite, che non esauriscono la variegata molteplicità di questi minerali, la cui struttura chimica non è mai sovrapponibile, e per la loro identificazione si impone[8] l’analisi quantistica elementare.

Asbesto: lo Sportello Amianto

L'Osservatorio Nazionale Amianto - ONA ti assiste per evitare le esposizioni ad amianto / asbesto (è anche detto amianto) e, nel caso tu sia stato già esposto, ti assicura quell'assistenza sanitaria per ottenere la diagnosi precoce e le migliori terapie e cure.

Contatta l'Osservatorio Nazionale Amianto e chiedi la consulenza / assistenza gratuita.


Asbesto: killer per l'uomo

L'amianto provoca una serie di malattie, definite asbesto correlate, alcune delle quali sono provocate solo e soltanto dall'amianto, altre multifattoriali. Secondo la classificazione INAIL, sono sempre riconducibili all'esposizione ad amianto e perciò inserite nella Lista I le seguenti patologie:

Asbesto: le altre malattie tabellate dall'INAIL

L'INAIL ha elaborato anche la LISTA II (casi di malattia amianto che l'inail stima di limitata probabilità), e cioè i seguenti tumori amianto:

In questi casi non c'è la presunzione legale di origine e tuttavia per il lavoratore è possibile ottenere il riconoscimento della patologia e quindi la rendita INAIL e, in caso di decesso, tale prestazione viene liquidata in favore della vedova e/o del coniuge e dei figli, se minorenni e/o studenti (fino a 26 anni).

Nella LISTA III (origine professionale possibile), è inserito soltanto, il cancro all'esofago (tumore amianto).

 

Asbesto: come ottenere l'indennizzo INAIL

Approfondisci per ottenere indennizzo Inail e risarcimento di tutti i danni da tumore amianto:

 

>>https://www.osservatorioamianto.com/dipartimenti/riconoscimento-patologie-asbesto-correlate-non-tabellate/

Tutte le malattie amianto

L'amianto provoca tutta una serie di altre malattie, anche di carattere degenerativo, oltre che malattie cardiache e/o infiammatorie:

  • tumore amianto al cervello (Robinson et al., 1999; Omura,2006; Graziano et al., 2009; Reid et al., 2012);
  • Tumore amianto alla colecisti (Moran, 1992);
  • Tumore amianto al Colon-retto (Bianchi et al., 2007; Manzini et al., 2010; Reid et al., 2012);
  • Tumori Emolinfopoietici (Robinson et al., 1999; Omura, 2006; Bianchi et al., 2007; Graziano et al., 2009; Reid et al., 2012);
  • Tumore amianto all' esofago (Kanarek, 1989; Omura, 2006);
  • Tumore amianto alla laringe-lingua (Omura, 2006; Manzini et al., 2010);
  • Tumore alla mammella (Selikoff, 1974; Feigelson et al., 1996; Fear et al., 1996; Robinson et al., 1999; Omura 2006 & 2010);
  • Conferma dell'origine asbesto correlata del tumore all'Ovaio (Heller et al., 1996; Heller et al., 1999): amianto malattia;
  • Pancreas (Moran, 1992; Kanarek, 1989): malattia da amianto;
  • Mesotelioma al peritoneo tumore amianto (Moran, 1992; Heller et al., 1999; Pavone et al., 2012);
  • Tumore alla prostata (Moran, 1992; Feigelson et al., 1996; Stellman et al., 1998; Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003;  Bianchi et al., 2007; Reid et al., 2012): amianto malattia.
  • Cancro al rene tumore amianto (Bianchi et al., 2007);
  • Tumore allo stomaco amianto malattia: (Kanarek, 1989; Moran, 1992)
  • Tumore al testicolo cancro amianto: Manzini et al., 2010);
  • Tumore alla tiroide (Manzini et al., 2010): amianto malattia;
  • Tumore alla vagina-Vulva (Pukkala & Saarni, 1996): malattia amianto;
  • Tumore alla vescica (Bianchi et al., 2007; Graziano et al., 2009; Manzini et al., 2010; Pavone et al., 2012).

Tutte patologie amianto (tumori amianto) che si aggiungono a quelle del torace:

  • Tumore alla pleura (Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003; Graziano et al., 2009; Bayram et al., 2012; Reid et al., 2012);
  • Tumore amianto al polmone: Selikoff, 1974; Moran, 1992; Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003; Graziano et al., 2009.

Patologie degenerative, non tumorali, malattie amianto:

  • Cuore (Miocardiopatia) (Omura, 2006; Reid et al., 2012);
  • Sistema nervoso centrale (morbo di Alzheimer & autismo) (Omura, 2006); (Sclerosi Laterale Amiotrofica) Omura, 2006).

>>Approfondisci su Tutte le patologie da amianto

Assistenza medica

Assistenza medica

L'Osservatorio Nazionale Amianto - ONA assiste tutti i cittadini per evitare le esposizioni e/o i danni amianto, e per la diagnosi precoce. 

assistenza legale

Assistenza legale

L'Avv. Ezio Bonanni è il presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto - ONA ed è il pioniere della difesa delle vittime dell'amianto in Italia.  

Assistenza tecnica

Assistenza tecnica

Se temete che ci sia presenza di amianto nei vostri ambienti di vita e di lavoro, chiedi assistenza all'associazione ONA e il nostro incaricato sarà a vostra disposizione.


Per saperne di più sui diritti delle vittime dell'amianto e dell'asbestosi consulta il sito dell'Avv. Ezio Bonanni www.eziobonanni.com


Epidemia patologie asbesto correlate

Italia, la 'Repubblica dell'amianto': "Picco di mesoteliomi tra il 2020 ed il 2030"

Le malattie asbesto correlate si manifestano dopo molti anni dalla prima esposizione, anche dopo 50 anni. Poiché il periodo di più intenso utilizzo è stato quello tra il 1960 e il 1992, si prevede che il picco di mesoteliomi e di altre malattie amianto ci sarà tra il 2020 e il 2030.  Il trend dei mesoteliomi (malattia sentinella dell'amianto) è in continuo aumento in questi anni. L'asbesto è anche detto amianto ed ha provocato in Italia circa 6.000 decessi solo nel 2017, dei quali 1.800 per mesotelioma, 3.600 per tumore ai polmoni riconducibile all'amianto (poi ce ne sono una parte causati da altri cancerogeni del polmone), circa 600 per asbestosi: quindi già senza considerare le altre patologie asbesto correlate si raggiungono purtroppo i 6.000 decessi.

Asbesto: una strage mondiale

L'OMS ha chiarito che: 

"Currently, about 125 million people in the world are exposed to asbestos at the workplace (1). According to global estimates, at least 107 000 people die each year from Asbestos is one of the most important occupational carcinogens CHRYSOTILE ASBESTOS / 3 asbestos-related lung cancer, mesothelioma and asbestosis resulting from occupational exposures (1, 2, 8). In addition, nearly 400 deaths have been attributed to non-occupational exposure to asbestos. The burden of asbestos-related diseases is still rising, even in countries that banned the use of asbestos in the early 1990s. Because of the long latency periods attached to the diseases in question, stopping the use of asbestos now will result in a decrease in the number of asbestos-related deaths only after a number of decades".

Fonte: OMS - Chrysotile Asbestos

che si può tradurre in somma sintesi:

  • 107.000 decessi ogni anno solo per 3 malattie asbesto correlate (asbestosi, mesotelioma e tumore al polmone), e solo quelle di origine lavorativa;
  • 125 milioni di lavoratori esposti. 

Questa macabra statistica non tiene conto di:

  • i casi di decesso per altre malattie oltre all'asbestosi, tumore ai polmoni, mesotelioma;
  • i decessi per malattie asbesto correlate non occupazionali;
  • le decine di migliaia di casi di malattie asbesto correlate, tutte altamente invalidanti;
  • i casi non censiti (che sono la maggior parte) e la quasi totalità in Cina, Unione Sovietica, India e altri Stati che continuano a utilizzare l'amianto. 

Asbesto: l'ONA chiede il bando globale dell'amianto

La produzione continua in 2 milioni di tonnellate (“2013 Minerals Yearbook”, U.S. Department of the Interior - U.S. Geological Survey, di Robert L. Virta. Nel 2014,  la Russia ne ha estratto circa 1.100.000, la Cina oltre 400.000, il Brasile circa 284.000, il Kazakhstan 240.000, l’India 270.000, e tra gli utilizzatori la Russia (608.000), la Cina (507.000), l’India (379.000), il Brasile (154,000) ed il Kazakhstan (68.000) - per approfondimenti: http://www.ibasecretariat.org/). 

Per questi motivi l'Osservatorio Nazionale Amianto - ONA Onlus e l'Avv. Ezio Bonanni hanno chiesto la messa al bando globale dell'amianto, un provvedimento di carattere generale assunto direttamente dall'OMS, ovvero fatto ratificare dall'ONU, a tutela della salute e dell'ambiente e contro le lobby delle multinazionali che ancora oggi per sete di profitto continuano ad uccidere per causa dell'amianto, che provoca più vittime delle guerre.

 

Asbesto: l'ONA ti assiste per prevenire, curare e risarcire

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti