Cura malattie da amianto

Il termine asbesto (sinonimo amianto) indica un insieme di minerali fibrosi (tra cui il serpentino e gli anfiboli) caratterizzati da elevate capacità lesive per la salute umana. Questi minerali, a causa della manipolazione o della semplice esposizione agli agenti atmosferici, si riducono allo stato pulverulento, dividendosi in minuscole fibre che possono essere inalate o ingerite. Una volta all’interno dell’organismo umano, le fibre di asbesto provocano una infiammazione che può colpire diversi organi. L’infiammazione a sua volta può scatenare il cosiddetto meccanismo della cancerogenesi, portando alla formazione di cancri, tumori e altre malattie da amianto. In ogni caso, le fibre di asbesto hanno un effetto sinergico di potenziamento con gli altri cancerogeni, che possono essere quelli presenti nell’ambiente di lavoro o quelli presenti nel fumo di sigaretta.

Assistenza medica gratuita per la cura delle malattie da amianto

Rivolgiti ai servizi di assistenza e tutela ONA per le vittime di esposizione ad asbesto che hanno contratto malattie, o che sono a rischio di contrarre malattie da amianto, per la terapia e cura, anche attraverso lo Sportello Amianto Online.  

L'ONA offre assistenza medica gratuita per la prevenzione, la terapia e cura dei tumori amianto. 

 

Contattaci e chiedi la

consulenza e assistenza gratuita 

numero verde gratuito osservatorio nazionale amianto

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti


Malattie da amianto

Le polveri e fibre di amianto (significato asbesto) sono altamente cancerogene per l'essere umano, come già ribadito e unanimemente condiviso dal mondo medico e scientifico. Il cancro o tumore da asbesto può colpire colpire diversi organi del corpo umano e provocare anche complicazioni cardiache, patologie cardiocircolatorie e malattie cardiovascolari.

La diagnosi precoce, grazie alla sottoposizione a sorveglianza sanitaria, permette la cura e la guarigione malattie amianto.

L'INAIL ha riconosciuto nelle liste delle malattie professionali (malattie professionali Inail) diverse patologie asbesto correlate. Questo elenco non è completo, in quanto l'asbesto provoca o comunque è concausa di molte altre patologie. 

Le malattie da esposizione ad asbesto di origine professionale (malattia del lavoro) sono comprese in 3 Liste (lista malattia professionale INAIL) (malattia professionale indennizzo).

Nella lista I sono contemplate le malattie asbesto la cui origine lavorativa è di "elevata probabilità": 

Le patologie contemplate nella tabella I delle malattie professionali riconosciute dall’INAIL sono assistite da presunzione legale di origine, in forza della quale la sola presenza dell'agente patogeno nell’ambiente lavorativo ne determina il diritto al riconoscimento e dunque all’indennizzabilità della malattia professionale (Cass., Sez. lav., n. 30438/2018). Questo permette di ottenere la certificazione di esposizione ad amianto (art. 13 comma 7 L. 257/1992), e quindi la rivalutazione della posizione contributiva INPS, anche in caso di grado invalidante inferiore al 6% (risarcimento amianto inail). 

 

Per queste malattie è quindi sufficiente la prova della presenza dell'asbesto amianto nell'ambiente lavorativo per ottenere il riconoscimento delle prestazioni previdenziali, senza dover superare alcune valore limite amianto (Cass., Sez. Lav., n. 23653/16) (risarcimento malattia professionale).

Nella LISTA II sono comprese le malattie da amianto la cui origine lavorativa è di limitata probabilità:

Per le malattie professionali amianto della LISTA II la vittima deve dimostrare il nesso causale per ottenere le prestazioni INAIL (rendita e/o indennizzo, se il grado di invalidità riconosciuto è inferiore al 16%) (risarcimento danni Inail).

La lista III comprende solo il tumore all’esofago, la cui origine lavorativa è ritenuta possibile (malattia cancro).

Per approfondire:

Sorveglianza sanitaria

I lavoratori e i cittadini rimasti esposti per motivi professionali e/o ambientali a polveri e fibre di asbesto devono sottoporsi a sorveglianza sanitaria, ovvero a controlli periodici per monitorare le condizioni di salute e ottenere una diagnosi precoce di eventuali malattie asbesto correlate e tumori da amianto e, conseguentemente, terapie e cura più efficaci e tempestive.

Diagnosi precoce

La diagnosi delle amianto malattie e dei tumori da amianto avviene innanzitutto con una visita presso il medico di base, che deve essere informato della pregressa esposizione ad asbesto. Sarà cura del medico indirizzare il paziente verso centri specializzati per la sottoposizione ad esami strumentali e diagnostici più specifici. Per approfondire:

Esami strumentali

In generale, le malattie da amianto colpiscono maggiormente l’apparato respiratorio e in particolare i polmoni. Per questo motivo gli esami più frequentemente prescritti al fine di determinare la cura più appropriata sono:

  • Radiografia del torace (evidenzia la presenza di ispessimenti pleurici e placche pleuriche)
  • Tomografia del torace (TC) (permette la diagnosi del tumore)
  • PET (mostra la presenza di cellule neoplastiche)
  • Risonanza magnetica (permette la verifica dello stato di avanzamento della neoplasia)
  • Biopsia (permette la conferma della diagnosi della neoplasia. Si esegue sui campioni di liquido presenti nel torace (toracentesi), nell'addome (paracentesi) o nella cavità attorno al cuore (pericardiocentesi) per verificare la presenza di cellule tumorali. In altri casi, si prelevano piccole porzioni di tessuto mesoteliale con un endoscopio)
  • Esami immunoistochimici (permettono di verificare le proteine della superficie della cellula, o genetiche, capaci di individuare l'espressione genica tipica dei tumori del mesotelio, tra i quali quelli alla pleura)
  • Esami del sangue (per misurare i livelli di osteopontina e SMRP, molecole presenti in dosi più elevate in caso per esempio di mesotelioma)

Terapia e cura

Le malattie da asbesto possono essere guarite oppure bloccate nella loro progressione al fine di prolungare la sopravvivenza e con migliori condizioni di salute. L’approccio terapeutico e la cura dei tumori amianto dipende da diversi fattori: stadiazione (fase e grado della malattia), localizzazione, presenza di metastasi, età e condizioni generali di salute del paziente.

Per alcune malattie asbesto correlate non esiste una cura specifica, ma piuttosto una terapia mirata al miglioramento delle condizioni di salute e ad evitare la degenerazione in tumori (asbestosi, tumore polmonare, mesotelioma, etc.).

In ogni caso è consigliabile rivolgersi a centri specializzati (mesotelioma centri specializzati) ed effettuare gli accertamenti necessari.

Le varie opzioni terapeutiche generalmente consistono in: 

Chirurgia

In caso di tumore resecabile (completamente asportabile con la chirurgia, di solito stadio I, II e III), il paziente ha più probabilità di cura e guarigione o comunque può avere scopo palliativo (in caso di tumore diffuso, per prevenire o ridurre i sintomi).

Sempre a scopo palliativo e per dare sollievo, in caso di presenza di liquido (come può avvenire in caso di mesotelioma pleurico, amianto malattia), può essere praticata la rimozione del liquido mediante un ago lungo e sottile (toracentesi, paracentesi o pericardiocentesi), ma questo tipo di intervento va ripetuto periodicamente poiché il liquido tende a riformarsi.

Radioterapia

La radioterapia è una terapia medica utilizzata soprattutto nel trattamento dei tumori che consiste nell'utilizzo di radiazioni ionizzanti in grado di danneggiare il patrimonio genetico delle cellule malate e impedirne la proliferazione. La radioterapia può essere curativa in particolare in caso di cancro confinato in una zona del corpo, sulla base della classificazione TNM della lesione stessa.

Generalmente la radioterapia viene utilizzata in concomitanza con la chirurgia, con la chemioterapia, con l'ormonoterapia e l'immunoterapia al fine di ottenere un trattamento curativo-radicale, adiuvante, neoadiuvante, terapeutico o palliativo. In ogni caso l’utilizzo della radioterapia dipende dal tipo di tumore, dalla posizione e stadio e dalla salute generale del paziente.

La radioterapia può essere utilizzata, oltre che sul tumore stesso, anche sui linfonodi drenanti se clinicamente o radiologicamente coinvolti con il tumore o se si ritiene che possa esserci un rischio di diffusione maligna.

L’utilizzo della radioterapia può anche avere uno scopo meramente palliativo e non di cura, per ridurre il dolore.

Chemioterapia

La chemioterapia (dall'inglese chemo-, tratto da chemical, "chimico" e dal greco ϑεραπεία, therapèia, "terapia") è un tipo di trattamento farmacologico mirato alla distruzione di manifestazioni biologiche patologiche. Si distingue in chemioterapia antimicrobica e antineoplastica. Nel caso delle malattie asbesto correlate e quindi di tumori da amianto, si parla di chemioterapia antineoplasia, che colpisce le cellule neoplastiche con farmaci antitumorali.

La chemioterapia avviene quindi tramite la somministrazione di uno o più farmaci in combinazione per distruggere le cellule tumorali che si sono sviluppate negli organi colpiti dal tumore per rallentarne la progressione. La somministrazione può avvenire per via per via endovenosa in tutto il corpo o direttamente nella sede del tumore. La somministrazione localizzata permette di intervenire con dosi più alte di farmaco chemioterapico, che a volte viene riscaldato per aumentarne l'efficacia (chemioterapia ipertermica), limitando gli effetti collaterali al resto dell'organismo.

In caso di localizzazione pleurica del tumore (asbestosi, tumore polmonare, mesotelioma), la chemioterapia può essere intrapleurica, ossia somministrata direttamente nello spazio fra i polmoni e la parete toracica.

La chemioterapia neoadiuvante è quella effettuata prima dell'intervento chirurgico per ridurre la massa e facilitarne la rimozione. La chemioterapia adiuvante è invece effettuata dopo l'operazione, con lo scopo di rimuovere le cellule tumorali non visibili a occhio nudo e di migliorare gli esiti dell'intervento.

Trattamento multimodale

Per quanto riguarda il mesotelioma, classica malattia da amianto, il Prof. Luciano Mutti e il Prof. Vittore Pagan, entrambi del Comitato Tecnico Scientifico dell'ONA, hanno elaborato delle linee guida per il trattamento multimodale (mesotelioma cure), alla luce della loro comprovata esperienza nella terapia e cura di questa neoplasia.

Questo non è il solo approccio terapeutico, ma resta uno strumento di condivisione e divulgazione di raccomandazioni e indirizzi che deve essere coniugato e adeguato nella pratica clinica alle caratteristiche bio-psico-mediche individuali del caso. Per approfondire:

Centri specializzati

L'ONA ha istituito l'Ambulatorio Oncologico, con visite mediche gratuite con il Prof. Luciano Mutti, il Prof. Vittore Pagan e il Prof. Marcello Migliore. L’associazione si avvale inoltre della collaborazione di centri specializzati per la cura mesotelioma e delle altre malattie da amianto:

  • A.O.U. "Policlinico - Vittorio Emanuele" P.O. G. Rodolico, Chirurgia toracica, Ed. 3 - 1° piano - Via S. Sofia, 78 Catania, grazie alla collaborazione del Dott. Marcello Migliore,  Responsabile di chirurgia toracica e Professore associato di chirurgia toracica
  • Temple University, Philadelphia (Stati Uniti), grazie alla collaborazione del Dott. Antonio Giordano, accademico, oncologo, patologo, genetista e ricercatore, conosciuto per la scoperta del gene oncosoppressore RB2/P130, presidente e fondatore della Sbarro Health Research Organization

Per metterti in contatto con i centri specializzati in convenzione con l'ONA, basta farne richiesta allo Sportello Nazionale Amianto.

Per i casi di mesotelioma pleurico, il tumore dell'amianto più diffuso, la chirurgia toracica dell’Ospedale dell’Angelo (centro medico specializzato cura mesotelioma) è diretta dal Prof. Pagan che, insieme al Dott. Fontana, pratica la tecnica chirurgica del “calzino”, che consiste nel “rivoltare” la pleura malata per asportarla (pleurotomia), conservando tutti gli organi del torace (mesotelioma pleurico cure).

La ricerca scientifica è guidata dal Prof. Antonio Giordano e dal Prof. Luciano Mutti, quest'ultimo con lo sviluppo del trattamento multi modale (mesotelioma cure - dott Mutti mesotelioma). 


Diritti delle vittime

Le vittime di malattie asbesto correlate hanno diritto, oltre alla liquidazione della rendita Inail (indennizzo Inail. reversibile al coniuge e ai figli in caso di decesso della vittima - reversibilità Inail), anche alla rivalutazione della posizione pensionistica con l'accredito delle maggiorazioni contributive Inps. I lavoratori malati di mesotelioma, tumore al polmone o asbestosi che nonostante l'accredito delle maggiorazioni contributive Inps con il coefficiente 1,5 non raggiungono i requisiti per il pensionamento anticipato, hanno diritto all'immediato prepensionamento amianto (art. 1, comma 250, Legge 232/2016), senza limite di grado invalidante (decreto del 18/07/2017) (malattia professionale risarcimento).

Per ottenere le rendite INAIL il termine di prescrizione è triennale ed inizia a decorrere da quando il diritto può essere fatto valere (art. 2935 c.c.).

Per quanto riguarda i danni patrimoniali e non patrimoniali, anche differenziali, il termine di prescrizione è decennale (prescrizione amianto). La circolare congiunta INPS (inps amianto) e INAIL (n. 7 del 2018) ha dettato le regole per poter accedere al prepensionamento per malattia / pensionamento amianto: il prossimo termine per le domande è quello del 31 marzo 2019.

Per approfondire:

I lavoratori malati di patologie asbesto correlate (e i loro famigliari in caso di decesso) hanno altresì diritto al risarcimento dei danni, sia non patrimoniali (biologico, morale, esistenziale) che patrimoniali (per danno emergente e lucro cessante), oltre che differenziali (cioè la differenza tra l'indennizzo Inail del danno patrimoniale e del danno biologico e il dovuto, ovvero il differenziale quantitativo e i danni complementari amianto), con quantificazione personalizzata (Cass., sez. Lav., sent. n. 777 del 2005).

Per approfondire:


Home > Assistenza medica > Cura malattie amianto