BONIFICA E SMALTIMENTO ASBESTO-ETERNIT


Nel corso della conferenza stampa, presentata dalla giornalista di RaiUno, Dott.ssa Benedetta Rinaldi, oltre all’Avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto e al Dott. Nicola Forte, anche il Prof. Luciano Mutti, oncologo di fama internazionale ed esperto in malattie causate dall’amianto e in particolare sulla terapia e cura del mesotelioma

L'Avv. Ezio Bonanni, intervistato dalla troupe di RAI2 in un servizio andato in onda oggi 07.11.2017, ha ribadito che la bonifica è l'unico modo per tutelare i cittadini

Il Prof. Luciano Mutti, oncologo di fiducia dell’Osservatorio Nazionale Amianto, ha reso pubblici gli ultimi risultati della ricerca scientifica per la terapia e cura del mesotelioma e delle altre malattie causate dall’amianto, che ha peraltro ribadito come l’unico strumento veramente efficace per fermare la strage delle patologie da amianto sia quello della bonifica, anche con le detrazioni e bonus fiscali, come previsto dalla proposta di legge.

L’Avv. Ezio Bonanni ha ribadito che nei prossimi 10 anni, a causa delle pregresse esposizioni a polveri e fibre di amianto, si registrerà un picco dei casi e purtroppo dei decessi (oltre 50.000), con circa 5 miliardi di euro di spese sanitarie che graveranno sulla collettività e a cui si dovranno aggiungere il peso sociale e i costi per le prestazioni previdenziali e assistenziali, con un conseguente “un rischio collasso del welfare”.

L’ONA ha contrapposto all’immobilismo del governo e delle istituzioni la proposta di legge che, attraverso il bonus fiscale, permette la bonifica della ‘fibra killer’ e quindi la rimozione dell’amianto prima di tutto dalle scuole e dagli ospedali, e poi dagli altri edifici pubblici e da tutti i luoghi di vita e di lavoro.

Il presidente dell’INPS, Prof. Tito Boeri, ha previsto che l’amianto possa essere bonificato nei prossimi 85 anni: così, però, l’epidemia di patologie asbesto correlate durerebbe almeno 120 anni, e ci sarebbero non meno di 100.000 nuovi decessi solo in Italia e “ciò è inaccettabile”, ha dichiarato l’Avv. Ezio Bonanni, che ha rivolto un appello a tutte le forze politiche, perché tutti sottoscrivano la proposta di legge che può costituire lo strumento tecnico-normativo indispensabile per poter affrontare e risolvere in Italia il problema amianto.

“Una strage e un esborso record che lo Stato potrebbe evitare con la nostra proposta di legge – spiega il presidente dell’Ona, Ezio Bonanni -, che prevede credito di imposta del 50% della spesa per la bonifica e la messa in sicurezza ai produttori di reddito; il 75% ai privati”.

 

>>TORNA ALLA HOME