>> Home Page >> Assistenza legale >> Tutela legale per benefici contributivi per esposizione ad amianto >> Prepensionamento atti di indirizzo ministeriali

Pensione amianto atti di indirizzo ministeriali

Prepensionamento amianto: pensione amianto per lavoratori che sono stati esposti al minerale killer. L'accredito delle maggiorazioni amianto dà diritto ad anticipare il pensionamento e, per chi è già in pensione, ad aumentare i ratei. 

>>Tutela legale per l'accredito dei benefici contributivi per esposizione ad amianto

L'Osservatorio Nazionale Amianto assiste tutti coloro che, essendo stati esposti ad amianto, hanno diritto all'aumento contributivo valido sia per il prepensionamento che per l'aumento dell'entità dei ratei della pensione.

SEI UN LAVORATORE ESPOSTO AD AMIANTO?

HAI DIRITTO AL PREPENSIONAMENTO E ALL'AUMENTO DEI RATEI PENSIONISTICI

 

CHIAMACI               à


Pensione amianto atti di indirizzo ministeriali

 

Il Ministero del Lavoro, per risolvere i numerosi problemi tecnici e dirimere le divergenze e i contrasti insorti e per dare applicazione alle norme di cui all’art. 13, comma 8, della l. 257/92, ha emesso degli atti di indirizzo, con i quali ha dettato all’INAIL le linee guida generali per formulare dei giudizi e definire le numerose domande dei lavoratori che si assumevano titolari del diritto alla maggiorazione contributiva per esposizione ad amianto, relativi ai seguenti siti:

 

 

1

Officine S. Giorgio

Padova

 

Materferro

10/11/00

42

2

Firema Trasporti

Cittadella (Pd)

Firema

Materferro

10/11/00

44

3

Firema Trasporti Oms

Padova

Firema

Materferro

10/11/00

45

4

O. Veronesi/Galtarossa

Verona

 

Materferro

21/11/00

47

5

Fervet

Viareggio (Lu)

Fervet

Materferro

22/11/00

52

6

Fervet

Castelfranco (Ts)

Fervet

Materferro

22/11/00

54

7

O.me.ca.

Reggio Calabria

Breda Ansaldo

Materferro

22/11/00

55

8

O.m.fe.sa ex Nomef

Tropuzzi (Lo)

 

Materferro

22/11/00

56

9

Fiat Ferroviaria

Colleferro (Rm)

Fiat Ferrovia

Materferro

22/11/00

57

10

S.g.l.

Civitanova (Mc)

 

Materferro

22/11/00

58

11

C.s. Ilva

Taranto

Ilva-Italsider

Siderurgia

6/12/00

61

12

OFFICINE FIORE

Ercolano (Na)

Firema

Materferro

12/12/00

63

13

SIGE FERROVIARIA

Casagiove (Ce)

 

Materferro

12/12/00

65

14

FIREMA TRASPORTI

Caserta

Firema

Materferro

12/12/00

67

15

Imprese Appalto NCA

Carrara M.na (Ms)

 

Navalmec.ca

20/12/00

69

16

N. CANTIERI APUANIA

Carrara M.na (Ms)

 

Navalmec.ca

20/12/00

70

17

RODRIQUEZ C.N.

Messina

 

Navalmec.ca

20/12/00

71

18

C.S. Ilva

Bagnoli (Na)

Ilva-Italider

Siderurgia

28/12/00

73

19

Imp. Appalto Ilva

Bagnoli (Na)

Varie/Finsider

Siderurgia

28/12/00

73

20

Imp. Appalto Ilva (Icrot, ecc.)

Bagnoli (Na)

Varie/Finsider

Siderurgia

8/8/01

77

21

ICMI

Napoli

Ilva/Italsider

Siderurgia

8/8/01

79

22

Imp. Appalto Ansaldo En.

Italia

 

Elettromec.a

9/2/01

81

23

Imp. Appalto Ansaldo, Fin.

Italia

IRI

Elettromec.a

9/2/01

81

24

ANSALDO ENER. Tecnici

Italia

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

82

25

ANSALDO

Sampierdarena (Ge)

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

83

26

ANSALDO G.M.

Campi (Ge)

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

86

27

ANSALDO C.M.I.

Fegino

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

88

28

ANSALDO MOTORI

Sestri Ponente (Ge)

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

90

29

ANSALDO EX ASGEN

Monfalcone (Go)

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

92

30

TERMOSUD

Gioia del Colle (Ba)

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

94

31

ANSALDO EN. EX F. TOSI

Legnano (Mi)

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

96

32

ANSALDO ENERGIA

S.S. Giovanni (Mi)

Ansaldo

Elettromec.a

9/2/01

99

33

F.B.M. HUDSON ITALIANA

Terno d'Isola (Bg)

Ex Fochi

Elettromec.a

22/2/01

101

34

Imprese Appalto FBM

Italia

 

Elettromec.a

22/2/01

102

35

FBM HUDSON Tecnici

Terno d'Isola (Bg)

Ex Fochi

Elettromec.a

22/2/01

104

36

Imp. Appalto Ansaldo Tra.

Italia

 

Materferro

23/2/01

105

37

Ansaldo Trasporti Tec.

Napoli

Ansaldo

Materferro

23/2/01

107

38

Ansaldo Trasporti

Napoli

Ansaldo

Materferro

23/2/01

108

39

Ansaldo Trasporti

S.S. Giovanni (Mi)

Ansaldo

Materferro

23/2/01

110

40

Cn F.lli Neri

Livorno

 

Navalmec.ca

16/3/01

113

41

Imprese Appalto F.lli Neri

Livorno

 

Navalmec.ca

7/3/01

114

42

Imprese Appalto Enichem

Brindisi

 

Impiantistica

7/3/01

115

43

Imprese Appalto Enichem

Marghera (Ve)

 

Impiantistica

7/3/01

115

44

Imprese Appalto Enichem

Ravenna

 

Impiantistica

7/3/01

115

45

Cn Pesaro

Pesaro

 

Navalmec.ca

7/3/01

117

46

Imprese Appalto Cn Pesaro

Pesaro

 

Navalmec.ca

7/3/01

118

47

MAGLIOLA

Santhià (Vc)

 

Materferro

7/3/01

119

48

C.N. TOMMASI

Ancona

 

Navalmec.ca

7/3/01

121

49

C.N. MORINI

Ancona

 

Navalmec.ca

7/3/01

123

50

C.N. A. C.R.N.

Ancona

 

Navalmec.ca

7/3/01

125

51

LIPS Italiana

Livorno

Fincantieri

Navalmec.ca

16/3/01

127

52

Imp. Appalto A.F. Servola

Servola (Ts)

 

Siderurgia

8/3/01

129

53

Imp. Appalto A.F.V. Beltr.

Marghera (Ve)

 

Siderurgia

8/3/01

129

54

Imp. Appalto Acc. Piomb.

Piombino (Li)

 

Siderurgia

8/3/01

129

55

Imprese Appalto ICMI

Napoli

 

Siderurgia

8/3/01

129

56

Imprese Appalto Ilva

Bagnoli (Na)

 

Siderurgia

8/3/01

129

57

Imprese Appalto Ilva

Cornigliano (Ge)

 

Siderurgia

8/3/01

129

58

Imprese Appalto Iritecna

Campi (Ge)

 

Siderurgia

8/3/01

129

59

A.F.V. BELTR e ITALSIDER

Marghera (Ve)

Ex Italsider

Siderurgia

8/3/01

131

60

C.s. IRITECNA

Campi (Ge)

Ilva Italsider

Siderurgia

8/3/01

135

61

ACCIERIE PIOMB. Tecnici

Piombino (Li)

Ilva Italsider

Siderurgia

8/3/01

139

62

ACCIERIE PIOMBINO

Piombino (Li)

Ilva Italsider

Siderurgia

8/3/01

140

63

C.s. Ilva O. Sinigaglia (2)

Cornigliano (Ge)

 

Siderurgia

8/3/01

145

64

C.s. IRITECNA tecnici

Campi (Ge)

Ilva Italsider

Siderurgia

8/3/01

146

65

C.s. O. Sinigaglia tecn.

Cornigliano (Ge)

Ilva Italsider

Siderurgia

8/3/01

147

66

FIREMA TRASPORTI

Tito (Pz)

Firema

Materferro

8/3/01

151

67

C.s. Ilva (2°)

Taranto

Ilva Italsider

Siderurgia

8/3/01

153

68

Impr. Appalto C.s. Ilva

Taranto

 

Siderurgia

8/3/01

154

69

C.s. Ilva - tecnici

Italia

Ilva Italsider

Siderurgia

8/3/01

155

70

BREDA PISTOIESI (2°)

Pistoia

Breda Ansaldo

Materferro

8/3/01

159

71

Imprese Appalto C.le Enel

Genova

 

Impiantistica

8/3/01

161

72

Imp. Appalto C.Add.Enel

Piacenza

 

Impiantistica

8/3/01

161

73

Imprese Appalto C.le Enel

Augusta

 

Impiantistica

8/3/01

161

74

Imprese Appalto C.le Enel

Bari

 

Impiantistica

8/3/01

161

75

Imprese Appalto C.le Enel

Bastardo

 

Impiantistica

8/3/01

161

76

Imprese Appalto C.le Enel

Brindisi Nord

 

Impiantistica

8/3/01

161

77

Imprese Appalto C.le Enel

Casella

 

Impiantistica

8/3/01

161

78

Imprese Appalto C.le Enel

Chivasso

 

Impiantistica

8/3/01

161

79

Imprese Appalto C.le Enel

Caorso

 

Impiantistica

8/3/01

161

80

Imprese Appalto C.le Enel

Fiumaretta Civ.chia

 

Impiantistica

8/3/01

161

81

Imprese Appalto C.le Enel

Fiumesanto

 

Impiantistica

8/3/01

161

82

Imprese Appalto C.le Enel

La Spezia

 

Impiantistica

8/3/01

161

83

Imprese Appalto C.le Enel

Livorno

 

Impiantistica

8/3/01

161

84

Imprese Appalto C.le Enel

Mercure

 

Impiantistica

8/3/01

161

85

Imprese Appalto C.le Enel

Monfalcone

 

Impiantistica

8/3/01

161

86

Imprese Appalto C.le Enel

Napoli Levante

 

Impiantistica

8/3/01

161

87

Imprese Appalto C.le Enel

Ostiglia

 

Impiantistica

8/3/01

161

88

Imprese Appalto C.le Enel

Pietrafitta

 

Impiantistica

8/3/01

161

89

Imprese Appalto C.le Enel

Piombino

 

Impiantistica

8/3/01

161

90

Imprese Appalto C.le Enel

Porto Corsini

 

Impiantistica

8/3/01

161

91

Imprese Appalto C.le Enel

Porto Empedocle

 

Impiantistica

8/3/01

161

92

Imprese Appalto C.le Enel

Porto Marghera

 

Impiantistica

8/3/01

161

93

Imprese Appalto C.le Enel

Porto Tolle

 

Impiantistica

8/3/01

161

94

Imprese Appalto C.le Enel

Portoscuso

 

Impiantistica

8/3/01

161

95

Imprese Appalto C.le Enel

Priolo Gargallo

 

Impiantistica

8/3/01

161

96

Imprese Appalto C.le Enel

Rossano

 

Impiantistica

8/3/01

161

97

Imprese Appalto C.le Enel

S. Barbara Cavriglia

 

Impiantistica

8/3/01

161

98

Imprese Appalto C.le Enel

S. Filippo del Mela

 

Impiantistica

8/3/01

161

99

Imprese Appalto C.le Enel

Santa Gilla

 

Impiantistica

8/3/01

161

100

Imprese Appalto C.le Enel

Sulcis

 

Impiantistica

8/3/01

161

101

Imprese Appalto C.le Enel

Tavazzano

 

Impiantistica

8/3/01

161

102

Imprese Appalto C.le Enel

Termini Imerese

 

Impiantistica

8/3/01

161

103

Imprese Appalto C.le Enel

Torvaldaliga Sud

 

Impiantistica

8/3/01

161

104

Imprese Appalto C.le Enel

Trino Vercellese

 

Impiantistica

8/3/01

161

105

Imprese Appalto C.le Enel

Turbigo

 

Impiantistica

8/3/01

161

106

Imprese Appalto C.le Enel

Vado Ligure

 

Impiantistica

8/3/01

161

107

Imprese Appalto C.le Enel

Fusina

 

Impiantistica

8/3/01

161

108

Imprese Appalto C.le Enel

Piacenza

 

Impiantistica

8/3/01

161

109

Imp. Appalto Campog. Enel

Larderello

 

Impiantistica

8/3/01

161

110

Imprese Appalto Dalmine

Bergamo

 

Siderurgia

9/3/01

167

111

Imp. Appalto Dalmine Tps

Bergamo

 

Siderurgia

9/3/01

167

112

DALMINE Tecnici

Dalmine (Bg)

Ilva

Siderurgia

9/3/01

168

113

DALMINE TPS Tecnici

Sabbione (Bg)

Ilva Fochi

Siderurgia

9/3/01

168

114

DALMINE spa

Dalmine (Bg)

Ilva

Siderurgia

9/3/01

169

115

DALMINE T.P.S.

Sabbio Berg.co (Bg)

Ilva Fochi

Siderurgia

9/3/01

170

116

ACCIAI SPECIALI TERNI

Torino

Ilva Italsider

Siderurgia

14/3/01

171

117

Ilva LAMINATI PIANI

Torino

Ilva Italsider

Siderurgia

14/3/01

171

118

WHIRLPOOL EUROPE

Napoli

Whirlpool

Eldom

4/4/01

175

119

C.s. Ilva

Taranto

Ilva Italsider

Siderurgia

5/4/01

179

120

I.M.S.A.

Messina

 

Materferro

6/4/01

181

121

NUOVO PIGNONE

Massa Carrara

N. Pignone

Elettromec.a

6/4/01

185

122

Imp. Appalto A.F. Servola

Servola (Ts)

 

Siderurgia

17/4/01

189

123

Imp. Appalto A.F.V.

Marghera (Ve)

 

Siderurgia

17/4/01

189

124

Beltrame

 

 

 

 

 

125

Imprese Appalto Acciaierie

Piombino (Li)

 

Siderurgia

17/4/01

189

126

Imprese Appalto AST

Torino

 

Siderurgia

17/4/01

189

127

Imprese Appalto ICMI

Napoli

 

Siderurgia

17/4/01

189

128

Imprese Appalto Ilva

Bagnoli (Na)

 

Siderurgia

17/4/01

189

129

Imprese Appalto Ilva L.P.

Torino

 

Siderurgia

17/4/01

189

130

Imp.Appalto Ilva O. Sinigaglia

Cornigliano (Ge)

 

Siderurgia

17/4/01

189

131

Imprese Appalto Iritecna

Campi (Ge)

 

Siderurgia

17/4/01

189

132

S.G.I.

Civitanova M. (Mc)

 

Materferro

18/4/01

191

133

NUOVA SIET

Taranto

 

Siderurgia

5/4/01

193

134

C.s. Ilva (chiarimenti)

Taranto

Ilva Italsider

Siderurgia

23/4/01

195

135

C.s. Ilva

Taranto

 

Siderurgia

23/4/01

197

136

Ansaldo ITALTRAFO

S. Palomba (Rm)

Ansaldo

Materferro

23/4/01

199

137

Ansaldo ITALTRAFO tecn

S. Palomba (Rm)

Ansaldo

Materferro

23/4/01

203

138

CIMA

Mantova

 

Materferro

23/4/01

205

139

O.ME.CA (2°)

Reggio Calabria

Breda Ansaldo

Materferro

23/4/01

209

140

Cnl EX BREDA (2°)

Marghera (Ve)

Fincantieri

Navalmec.ca

23/4/01

211

141

OFF. FIREMA (2°)

Cittadella (Pd)

Firema

Materferro

23/4/01

213

142

Cnl FINCANTIERI (2°)

C.mare di Stabia

Fincantieri

Navalmec.ca

23/4/01

215

143

Nuova siet (chiarimento)

Taranto

 

Siderurgia

2/5/01

217

144

MECFOND

Napoli

 

Siderurgia

11/5/01

219

145

BARI FONDERIE MERID.

Bari

Finmeccanica

Siderurgia

28/05/01

223

146

MATERIT

Casale Mon. (Al)

Materit

Pannelli

8/6/01

227

147

MATERIT

Ferrandina (Mt)

Materit

Pannelli

8/6/01

227

148

AVIS

C.mare Stabia (Na)

Breda Ansaldo

Materferro

18/1/01

 

149

AVIS

C.mare Stabia (Na)

Breda Ansaldo

Materferro

1996

 

150

BREDA PISTOIESI

Pistoia

Breda Ansaldo

Materferro

4/9/99

 

151

Cnl

Palermo

Fincantieri

Navalmec.ca

1996

 

152

CA.MED.

Napoli

ex Fincantieri

Navalmec.ca

1998

 

153

COLGED

Lucca

 

varie

16/11/00

 

154

FIAT FERROVIARIA

Savigliano (Cu)

Fiat Ferrovia

Materferro

1/6/99

 

155

Imprese Appalto AVIS

C.mare Stabia (Na)

 

Materferro

18/1/01

 

156

SEBN

Napoli

ex Fincantieri

Navalmec.ca

1998

 

157

SOFER

Pozzuoli (Na)

Breda Ansaldo

Materferro

1996

 

158

SOFER

Pozzuoli (Na)

Breda Ansaldo

Materferro

6/2/01

 

159

Porto di Trieste

Trieste

 

 

 

 

160

Porto di Palermo

Palermo

 

 

 

 

161

Porto di Chioggia e Venezia

Chioggia e Venezia

 

 

 

 

162

Porto di Genova

Genova

 

 

 

 

163

Porto di Napoli

Napoli

 

 

 

 

164

Porto di Savona

Savona

 

 

 

 

 

 

Gli atti di indirizzo singolarmente emessi dal Ministero del Lavoro e a firma del Sottosegretario di Stato ed inoltrati all’INAIL e alla CONTARP-INAIL non contengono note o rilievi tecnici in forza dei quali l’ente accertatore potesse acquisire ulteriori dati utili alle emissioni delle certificazioni, siano esse positive o negative.

 

Per quanto riguarda le centrali dell’Enel, nelle quali si è fatto uso di amianto, il Sottosegretario in data 08.03.2011 ha emesso l’atto di indirizzo di cui al protocollo 504/505, con il quale ha invitato l’INAIL a rilasciare le certificazioni di esposizione anche ‘ai dipendenti delle ditte di appalto operanti nelle centrali termoelettriche’:

 

“vi invio la presente nota come integrazione delle linee di indirizzo riguardanti: centrale termoelettriche (varie) - prot. 504 dell’08.03.2001. Centrale termoelettrica Genova - prot. 505 dell’08.03.2001 «i benefici previdenziali vanno estesi anche ai dipendenti delle ditte di appalto operanti nelle centrali termoelettriche, interessate dalle linee di indirizzo sopra citate, per le mansioni e i reparti riconosciuti esposti per i lavoratori dipendenti delle centrali termoelettriche».

 

Così, per quanto riguarda il Porto di Trieste:

 

“Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

 

Benefici previdenziali amianto

 

Aziende. Imprese o case di spedizione del Porto di Trieste. Riconoscimenti.

 

 

Riconoscimenti

Reparti e periodi

Mansioni

Area Portuale:

Bordo-sottobordo e/o Banchina-Magazzini e

gallerie di T.C.D. (temporanea custodia doganale)

Fino al : 1990 o data di cessata attività

Spedizioniere - controllore sottobordista

Assistenza tecnica all’imbarco - sbarco -

movimentazione (stoccaggio - riapilaggio -

Introduzione e/o ricarica dai magazzini di T.C.D.) di tutte le merci legate al ciclo nave.

Assistenza tecnica ai riempimenti e/o svuotamenti dei contenitori

 

 

 

Tutte le qualifiche incluse nella scheda devono avere rapporto continuativo. In ogni modo restano esclusi dai riconoscimenti gli addetti alle aree amministrative ed ai servizi di supporto logistico.

Come si evince da questi esempi, gli atti di indirizzo non contengono rilievi tecnici e non risultano formulati sulla base di accertamenti, né contengono delle prescrizioni specifiche, limutandosi a dettare le linee cui l’INAIL avrebbe dovuto attenersi (e alle quali non si è attenuta, come dimostrano le numerose sentenze di condanna degli enti previdenziali emesse in seguito ai numerosi ricorsi con i quali i lavoratori hanno dovuto domandare tutela giurisdizionale dei loro diritti).

 

Scopri quali sono le patologie riconosciute dall'INAIL come asbesto correlate che danno diritto all'immediato rilascio della certificazione INAIL per avere l'accredito delle maggiorazioni amianto: 

>> https://www.osservatorioamianto.com/patologie/tutte-le-patologie-da-amianto/

I lavoratori che si sono ammalati di mesoteliomacancro polmonare e asbestosi, di cui è stata riconosciuta l'origine professionale dall'INAIL e quale causa di servizio (se dipendenti pubblici), hanno diritto all'immediato pensionamento.

>> https://www.osservatorioamianto.com/assistenza-legale/pensione-immediata-per-il-lavoratori-malati-da-amianto/


Consulenza legale GRATUITA per pensione amianto

L'Osservatorio Nazionale Amianto assiste tutti coloro che ne richiedono l'intervento. E' sufficiente contattare il numero verde per avere assistenza legale gratuita, oppure compilare il formulario in basso.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Valore legale degli atti di indirizzo

I dubbi e i contrasti insorti in dottrina e in larga parte della giurisprudenza circa il valore legale e la legittimità degli atti di indirizzo ministeriali, sono stati definitivamente superati con l’approvazione dell’art. 18, comma 8, della l. 179 del 2002.

In questa legge, che ha ad oggetto ‘disposizioni in materia di tutela ambientale’ il legislatore ha ritenuto di dover sancire la legittimità delle certificazioni rilasciate dall’INAIL in seguito agli atti di indirizzo ministeriali:

“le certificazioni rilasciate o che saranno rilasciate dall’Inail sulla base degli atti d’indirizzo emanati sulla materia del Ministero del lavoro e delle politiche sociali antecedentemente alla data di entrata in vigore della presente legge sono valide ai fini del conseguimento dei benefici previdenziali previsti dall’articolo 13, comma 8, della legge 27 marzo 1992, n. 257, e successive modificazioni”

(art. 18, comma 8, legge 179/02).

e ciò anche al fine di armonizzare l’applicazione della legge e superare ogni incertezza interpretativa e disporre linee guida per gli enti previdenziali e soprattutto rendere certezze a quei lavoratori che, in forza della certificazione, avevano risolto il loro rapporto di lavoro e richiesto la liquidazione delle prestazioni previdenziali.

La disciplina del riconoscimento della esposizione qualificata e della maggiorazione contributiva per esposizione all’amianto per i lavoratori dei siti oggetto di atto di indirizzo ministeriale si divarica per effetto dell’intervento del legislatore, rispetto a coloro che pur avendo svolto le medesime attività in ambienti del tutto eguali e spesso in stabilimenti della stessa azienda, e che tuttavia non hanno ottenuto dal Ministro l’emissione dell’atto di indirizzo, poiché per i primi si presume l’esposizione, e con l’art. 1, commi 20, 21 e 22, della l. 247/07, questa presunzione sarà iuris et de iure, mentre i secondi sono destinati a dover assolvere il non agevole onere probatorio della esposizione qualificata di 100 fibre/litro per un periodo di oltre 10 anni.

Le norme di cui all’art. 1, commi 20, 21 e 22 della legge n. 247 del 2007.

Con l’art. 1, commi 20, 21 e 22, della legge n. 247 del 2007, il Legislatore è intervenuto ancora in materia di benefici contributivi per esposizione ad amianto per i lavoratori dei siti oggetto di atto di indirizzo ministeriale, per stabilire che, per coloro che non fossero stati ancora collocati in pensione al momento dell’approvazione della legge, per attribuirgli il diritto al loro conseguimento fino al 02.10.03:

“20. Ai fini del conseguimento dei benefìci previdenziali di cui all’articolo 13, comma 8, della legge 27 marzo 1992, n. 257, e successive modificazioni, sono valide le certificazioni rilasciate dall’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) ai lavoratori che abbiano presentato domanda al predetto Istituto entro il 15 giugno 2005, per periodi di attività lavorativa svolta con esposizione all’amianto fino all’avvio dell’azione di bonifica e, comunque, non oltre il 2 ottobre 2003, nelle aziende interessate dagli atti di indirizzo già emanati in materia dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale.

21. Il diritto ai benefìci previdenziali previsti dall’articolo 13, comma 8, della legge 27 marzo 1992, n. 257, per i periodi di esposizione riconosciuti per effetto della disposizione di cui al comma 20, spetta ai lavoratori non titolari di trattamento pensionistico avente decorrenza anteriore alla data di entrata in vigore della presente legge.

22. Le modalità di attuazione dei commi 20 e 21 sono stabilite con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da emanarsi entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge”.

Il Decreto 12.03.08 e l’atto Inail del 19.05.08 n. 60002

Il comma 22 dell’art. 1 della legge 247 del 2007 stabiliva che il Ministro del Lavoro di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze avrebbe dovuto adottare entro 60 giorni il Decreto con il quale avrebbe indicato le modalità di attuzione delle disposizioni di cui ai commi 20 e 21, che venne alla luce il 12.03.08, e al cui art. 1 lettera b) stabiliva che l’Inail avrebbe dovuto rilasciare le certificazioni di esposizione utili per ottenere la maggiorazione contributiva ex art. 13 comma 8 legge 257/92, con termine fino al 02.10.03, per quei siti e quei ‘reparti od aree produttive per le quali i medesimi atti riconoscano l’esposizione protratta fino al 1992’.

Successivamente, l’Inail è intervenuta con l’atto del 19.05.08 n. 60002 con il quale ha rilevato che dovessero essere considerati come ricompresi nelle disposizioni di cui all’art. 1 commi 20, 21 e 22 legge 247/07 e art. 1 lettera b) D.M. Ministro del lavoro 19.05.08 n. 60002 soltanto 15 dei siti oggetto di atto di indirizzo:

 

 

RILEVAZIONE  DEI  SITI  PRODUTTIVI  INTERESSATI  DALLA

APPLICAZIONE  DELLA  L. N. 247/2007

 

IMPIANTO PRODUTTIVO

LOCALITA

ATTI DI INDIRIZZO

CON TERMINE AL 31 12 1992

1

Acciai Speciali Terni - ILVA Laminati Piani

Torino

PIEMONTE

n. 471 - 8 marzo 2001

n. 476 - 20 febbraio 2001

n. 562 - 17 aprile 2001

2

Michelin

Torino

n. 554 - 6 aprile 2001

3

Dalmine

Dalmine (BG)

LOMBARDIA

n. 506 - 9 marzo 2001

4

Enichem – Marghera

Marghera (VE)

VENETO

n. 453 - 6 marzo 2001

5

Vetreria Zignago

Portogruaro (VE)

n. 580 - 23 aprile 2001

6

ILVA “Oscar Senigaglia”

Cornigliano (GE)

LIGURIA

 

n. 471 - 8 marzo 2001

n. 475 - 8 marzo 2001

n. 562 - 17 aprile 2001

7

Lucchini Siderurgica

Piombino (LI)

TOSCANA

 

n. 474 - 8 marzo 2001

n. 562 - 17 aprile 2001

8

Enichem - Ravenna

Ravenna

EMILIA ROMAGNA

n. 452 - 6 marzo 2001

9

Cereol Italia

Ancona

MARCHE

n. 570 - 19 aprile 2001

 

10

ICMI

Napoli

CAMPANIA

n. 344 - 18 dicembre 2000

n. 470 - 8 marzo 2001

n. 471 - 8 marzo 2001

n. 562 - 17 aprile 2001

11

Kuwait - Raffinazione e Chimica

Napoli

n. 316 -  6 dicembre 2000

12

IPZS – Istituto Poligrafico e Zecca di Stato

Foggia

PUGLIA

n. 479 - 8 marzo 2001

n. 601 - 2 maggio 2001

13

Enichem – Brindisi

Brindisi

n. 451 - 6 marzo 2001

14

BFM - Bari Fonderie Meridionali

Bari

n. 627 - 28 maggio 2001

15

ILVA

Taranto

n. 329 - 6 aprile 2000

n. 472 - 8 marzo 2001

n. 480 - 8 marzo 2001

n. 547 bis - 5 aprile 2001

n. 562 - 17 aprile 2001

n. 574 - 20 aprile 2001

n. 575 - 23 aprile 2001

n. 576 -  23 aprile 2001

n. 643 - 6 giugno 2001

 

Singoli lavoratori e associazioni assistiti dall’Avv. Ezio Bonanni, hanno impugnato il D.M. e l’atto INAIL, per i profili per i quali circoscrivevano l’ambito di operatività delle norme di cui all’art. 1, commi 20, 21 e 22 della legge 247/07, a soli quindici siti rispetto ai centinaia per i quali

il Ministro del lavoro aveva emesso l’atto di indirizzo, e il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, ritenendo che le disposizioni regolamentari fossero in contrasto con il dettato legislativo, ne dichiarava l’illegittimità per quanto stabilito nell’art. 1, lettera b) del D.M. 12.03.2008 e dell’atto INAIL del 19.05.2008, n. 60002, con Sentenza n. 5750/09:

“Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio – Sezione Terza bis definitivamente pronunziando sul ricorso in epigrafe, lo accoglie e per l’effetto annulla il D.M. del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e del Ministero dell’Economia e Finanze in data 12 marzo 2008 e l’atto di cui alla nota INAIL – Direzione Centrale prestazioni – Ufficio III n. 60002 del 19 maggio 2008 nelle parti e secondo le modalità in motivazione indicate.

Condanna il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ed il Ministero dell’Economia e Finanze, nonché l’INAIL in persona dei rispettivi legali rappresentanti al pagamento di Euro 1.000,00 pro capite per ogni ricorrente per complessivi Euro 11.000,00 per spese di giudizio ed onorari e le compensa per i restanti soggetti.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 23 aprile 2009…”.

Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio specifica che il fondamento del ricorso risiede nel principio della gerarchia delle fonti e nella inviolabilità dei diritti soggettivi ormai quesiti, per effetto dell’entrata in vigore dell’art. 1 commi 20, 21 e 22 della legge 247/07 di portata generale, e non certo circoscritta a 15 siti in tutto il territorio nazionale:

“Ancora una volta in base al principio di gerarchia delle fonti il potere regolamentare deve trovare un espresso fondamento legislativo, in assenza del quale deve ritenersi preclusa la possibilità, per la fonte secondaria, di intervenire per colmare, in materia disciplinate dalla legge, eventuali lacune lasciate dalla legislazione regionale o statale (Consiglio di Stato, sezione VI, 3 ottobre 2007, n. 5095) oppure incidere proprio sulla legislazione regionale che disciplina la fattispecie. Anche dopo la riforma del Titolo V della Costituzione, infatti, la legislazione regionale ed anche quella delle regioni a statuto speciale come è il Friuli Venezia Giulia fa sempre parte delle cd. fonti primarie, seppure del tipo sub primario, mentre i regolamenti appartengono al tipo di fonti secondarie, che quindi devono essere resi compatibili con le prime.

Può discutersi che la norma regionale in questione e sopra riportata possa a sua volta essere divenuta incompatibile con la legislazione statale di cui alla L. n. 247 del 2007, perché è precedente a quest’ultima, ma anche in quel caso di certo non spetta alla potestà regolamentare dell’amministrazione statale di adeguarla alla fonte sovraordinata (C. Stato, n. 5095/2007 cit.) quanto piuttosto alla potestà normativa regionale.

11. Il ricorso va pertanto accolto e per l’effetto va annullato nel D.M. del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e del Ministero dell’Economia e Finanze in data 12 marzo 2008 ed in particolare nel’art. 1, lett. b) l’espressione “ nei reparti indicati nei predetti atti di indirizzo, limitatamente ai reparti od aree produttive per i quali i medesimi atti riconoscano l’esposizione protratta fino al 1992;” e nell’atto di cui alla nota INAIL – Direzione Centrale prestazioni – Ufficio III n. 60002 del 19 maggio 2008 ed in particolare al quarto capoverso l’espressione “nei reparti per i quali i predetti atti di indirizzo riconoscano l’esposizione protratta fino a tutto il 1992”, il quinto capoverso e l’elenco di cui all’allegato 3 nella parte in cui non prevede l’applicazione dei benefici di cui all’art. 13, comma 8 della L. n. 257 del 1992 nei confronti di lavoratori i cui stabilimenti siano ricompresi in altrettanti atti di indirizzo che recano date di esposizione entro il 1992.

 

Il potere regolamentare del Ministro del lavoro prima e dell’Inail dopo, se da una parte trova il suo fondamento nel comma 22 dell’art. 1 della legge 247/07, dall’altro è limitato alle sole indicazioni delle “modalità di attuazione dei commi 20 e 21” e non certamente intervenire anche fosse soltanto per colmare delle lacune del dettato legislativo, oppure per restringere l’ambito di operatività della legge, votata da due rami del Parlamento[1]:

“In base al principio di gerarchia delle fonti il potere regolamentare deve trovare un espresso fondamento legislativo, in assenza del quale deve ritenersi preclusa la possibilità, per la fonte secondaria, di intervenire per colmare, in materia disciplinate dalla legge, eventuali lacune lasciate dalla legislazione regionale o statale”.



[1] Massima dell'Avv. Ezio Bonanni.