Pensione amianto atti di indirizzo ministeriali

Pensione amianto atti di indirizzo. Questi atti di indirizzo del Ministero del Lavoro sono stati indirizzati all'INAIL per il rilascio delle certificazioni di esposizione. Successivamente, hanno avuto una loro consacrazione normativa, con l'art. 18, co. 8, L. 179/2002, cui ha fatto seguito l'art. 1, co. 20, 21 e 22 L. 247/2007.

Quindi, con tale provvedimento normativo, i lavoratori dei siti oggetto di atto di indirizzo hanno diritto al rilascio della certificazione di esposizione fino all'inizio delle bonifiche. In ogni caso, non oltre il 02.10.2003.

Assistenza online e tutela legale gratuita

Pensione amianto atti di indirizzo ministeriali

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti


Pensione amianto atti di indirizzo ministeriali

I benefici amianto sono stati concessi in favore dei lavoratori con esposizione ultradecennale qualificata. Questi requisiti erano molto difficili da dimostrare. In particolare, il superamento della soglia delle 100 ff/ll nella media delle 8h lavorative. L'ONA e l'Avv. Ezio Bonanni hanno utilizzato lo stesso strumento INAIL per coadiuvare i lavoratori nella prova. In particolare, l'utilizzo della banca dati Amyant e dell'algoritmo INAIL.

Tuttavia, il Ministero del Lavoro ha emanato gli atti di indirizzo, diretti all'INAIL, al fine di costituire delle linee guida per le istruttorie delle domande. In particolare, per il riconoscimento con certificazione per quei lavoratori che fossero ritenuti più esposti ai minerali di amianto. 

Quindi, gli atti di indirizzo sono molto importanti, perché, come detto, sono diretti all'INAIL perché rilasci la certificazione di esposizione. In questo modo, ogni divergenza è risolta. Quindi, l'INAIL, una volta rilasciato il certificato di esposizione, ha terminato la sua funzione. 

Infatti, le fibre di amianto sono altamente lesive per la salute umana, e i siti più a rischio sono ben noti. In questo contesto, una delle condizioni di maggior rischio è quella del settore elettrico, oltre che, evidentemente, del cemento amianto. La condizione di maggior rischio è proprio in questi settori. Ciò è confermato nel VI Rapporto ReNaM.

Quindi, il contenuto degli atti di indirizzo risulta assistito da una conferma anche su base epidemiologica. Questi atti di indirizzo sono stati richiesti anche per quanto riguarda alcuni siti siciliani.

 

Nel corso della seconda puntata di ONA TVAmianto, emergenza ambientale e sanitaria e diritti negati, questa discriminazione  è stata segnalata. Tuttavia, allo stato, questa discrasia non è stata risolta. Comunque, per quanto riguarda l'ENEL i siti sono oggetto di atto di indirizzo in tutta Italia.

Il lavoratore può procedere con la domanda amministrativa. In seguito l'elenco degli atti di indirizzo:

Pensione amianto atti di indirizzo amianto centrali ENEL

 

Gli atti di indirizzo singolarmente emessi dal Ministero del Lavoro e a firma del Sottosegretario di Stato ed inoltrati all’INAIL e alla CONTARP-INAIL non contengono note o rilievi tecnici in forza dei quali l’ente accertatore potesse acquisire ulteriori dati utili alle emissioni delle certificazioni, siano esse positive o negative.

Per quanto riguarda le centrali dell’Enel, nelle quali si è fatto uso di amianto, il Sottosegretario in data 08.03.2011 ha emesso l’atto di indirizzo di cui al protocollo 504/505, con il quale ha invitato l’INAIL a rilasciare le certificazioni di esposizione anche ‘ai dipendenti delle ditte di appalto operanti nelle centrali termoelettriche’:

vi invio la presente nota come integrazione delle linee di indirizzo riguardanti: centrale termoelettriche (varie) - prot. 504 dell’08.03.2001. Centrale termoelettrica Genova - prot. 505 dell’08.03.2001 «i benefici previdenziali vanno estesi anche ai dipendenti delle ditte di appalto operanti nelle centrali termoelettriche, interessate dalle linee di indirizzo sopra citate, per le mansioni e i reparti riconosciuti esposti per i lavoratori dipendenti delle centrali termoelettriche».

Benefici amianto Porto di Trieste

Anche per quanto riguarda il Porto di Trieste, è stato emesso l'atto di indirizzo del Ministero. Questo riguarda anche altre realtà dei porti. Infatti, le attività di carico e scarico sono quelle a maggior rischio. 

Riconoscimenti. Aziende Imprese case di spedizione del Porto di Trieste.
Riconoscimenti. Aziende Imprese case di spedizione del Porto di Trieste.

Valore legale degli atti di indirizzo

Tutte le qualifiche incluse nella scheda devono avere rapporto continuativo. In ogni modo restano esclusi dai riconoscimenti gli addetti alle aree amministrative ed ai servizi di supporto logistico.

Come si evince da questi esempi, gli atti di indirizzo non contengono rilievi tecnici e non risultano formulati sulla base di accertamenti, né contengono delle prescrizioni specifiche, limutandosi a dettare le linee cui l’INAIL avrebbe dovuto attenersi (e alle quali non si è attenuta, come dimostrano le numerose sentenze di condanna degli enti previdenziali emesse in seguito ai numerosi ricorsi con i quali i lavoratori hanno dovuto domandare tutela giurisdizionale dei loro diritti).

I dubbi e i contrasti insorti in dottrina e in larga parte della giurisprudenza circa il valore legale e la legittimità degli atti di indirizzo ministeriali, sono stati definitivamente superati con l’approvazione dell’art. 18, comma 8, della l. 179 del 2002.

In questa legge, che ha ad oggetto ‘disposizioni in materia di tutela ambientale’ il legislatore ha ritenuto di dover sancire la legittimità delle certificazioni rilasciate dall’INAIL in seguito agli atti di indirizzo ministeriali:

le certificazioni rilasciate o che saranno rilasciate dall’Inail sulla base degli atti d’indirizzo emanati sulla materia del Ministero del lavoro e delle politiche sociali antecedentemente alla data di entrata in vigore della presente legge sono valide ai fini del conseguimento dei benefici previdenziali previsti dall’articolo 13, comma 8, della legge 27 marzo 1992, n. 257, e successive modificazioni”.

(art. 18, comma 8, legge 179/02).

Ciò anche al fine di armonizzare l’applicazione della legge e superare ogni incertezza interpretativa e disporre linee guida per gli enti previdenziali e soprattutto rendere certezze a quei lavoratori che, in forza della certificazione, avevano risolto il loro rapporto di lavoro e richiesto la liquidazione delle prestazioni previdenziali.

Le norme della legge n. 247 del 2007

Con l’art. 1, commi 20, 21 e 22, della legge n. 247 del 2007, il Legislatore è intervenuto ancora in materia di benefici contributivi per esposizione ad amianto per i lavoratori dei siti oggetto di atto di indirizzo ministeriale, per stabilire che, per coloro che non fossero stati ancora collocati in pensione al momento dell’approvazione della legge, per attribuirgli il diritto al loro conseguimento fino al 02.10.03:

20. Ai fini del conseguimento dei benefìci previdenziali di cui all’articolo 13, comma 8, della legge 27 marzo 1992, n. 257, e successive modificazioni, sono valide le certificazioni rilasciate dall’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) ai lavoratori che abbiano presentato domanda al predetto Istituto entro il 15 giugno 2005, per periodi di attività lavorativa svolta con esposizione all’amianto fino all’avvio dell’azione di bonifica e, comunque, non oltre il 2 ottobre 2003, nelle aziende interessate dagli atti di indirizzo già emanati in materia dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale.

"21. Il diritto ai benefìci previdenziali previsti dall’articolo 13, comma 8, della legge 27 marzo 1992, n. 257, per i periodi di esposizione riconosciuti per effetto della disposizione di cui al comma 20, spetta ai lavoratori non titolari di trattamento pensionistico avente decorrenza anteriore alla data di entrata in vigore della presente legge.

22. Le modalità di attuazione dei commi 20 e 21 sono stabilite con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da emanarsi entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge”.

Il Decreto 12.03.08 e l’atto Inail del 19.05.08 n. 60002

Il comma 22 dell’art. 1 della legge 247 del 2007 stabiliva che il Ministro del Lavoro di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze avrebbe dovuto adottare il decreto. Infatti, il Ministero poi ha adottato tale decreto, con atto del 12.03.2008. Solo che, in tale decreto è stato circoscritto l'ambito ad un minimo numero di siti.

Successivamente, l’Inail è intervenuta con l’atto del 19.05.08 n. 60002 con il quale ha, infatti, indicato tali 15 siti:

Tutela pensione amianto atti di indirizzo ministeriali

Singoli lavoratori e associazioni assistiti dall’Avv. Ezio Bonanni, il quale nel 2008, ha impugnato sia l'atto del Ministro che quello dell'INAIL. Il TAR del Lazio ha accolto le testi dell'Avv. Ezio Bonanni. Quindi, il decreto del Ministro è stato dichiarato parzialmente illegittimo.

Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ha specificato che il fondamento del ricorso risiede nel principio della gerarchia delle fonti. In più, nella inviolabilità dei diritti soggettivi ormai quesiti. Questi diritti sono stati acquisiti con l’entrata in vigore dell’art. 1 commi 20, 21 e 22 della legge 247/07.

Successivamente, l'INAIL ha impugnato la sentenza TAR Lazio n. 5750/2019, e il Consiglio di Stato, pur accogliendo il ricorso, ha confermato, comunque che era nella facoltà del Giudice del Lavoro disapplicare tali norme.

In tal modo, in ogni singolo procedimento, si potrà far valere, intanto, il valore legale degli atti di indirizzo ai fini probatori. Inoltre, si potrà chiedere l'applicazione dell'art. 1, commi 20, 21 e 22, L. 247/2007.

In più, questi atti di indirizzo sono molto importanti nel caso di insorgenza di malattia asbesto correlata, poiché rendono la prova della condizione di rischio. In questo modo, si potrà far valere il diritto all'indennizzo INAIL e al risarcimento del danno.

L'Avv. Ezio Bonanni ha tratto dalla sentenza TAR Lazio, e, poi, da quella del Consiglio di Stato, la seguente massima:

In base al principio di gerarchia delle fonti il potere regolamentare deve trovare un espresso fondamento legislativo, in assenza del quale deve ritenersi preclusa la possibilità, per la fonte secondaria, di intervenire per colmare, in materia disciplinate dalla legge, eventuali lacune lasciate dalla legislazione regionale o statale”.

Agevolazioni probatorie per i lavoratori atti di indirizzo

La disciplina del riconoscimento della esposizione qualificata e della maggiorazione contributiva per esposizione all’amianto per i lavoratori dei siti oggetto di atto di indirizzo ministeriale si divarica per effetto dell’intervento del legislatore, rispetto a coloro che pur avendo svolto le medesime attività in ambienti del tutto eguali e spesso in stabilimenti della stessa azienda, e che tuttavia non hanno ottenuto dal Ministro l’emissione dell’atto di indirizzo, poiché per i primi si presume l’esposizione, e con l’art. 1, commi 20, 21 e 22, della l. 247/07, questa presunzione sarà iuris et de iure, mentre i secondi sono destinati a dover assolvere il non agevole onere probatorio della esposizione qualificata di 100 fibre/litro per un periodo di oltre 10 anni.

Home>>Assistenza legale>>Benefici contributivi esposizione ad amianto>>Pensione amianto atti di indirizzo ministeriali