Patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle INAIL

L'INAIL ha istituito un sistema di tabelle in cui sono comprese le malattie professionali (tabelle malattie professionali tabellate o tabelle invalidità Inail). Il riconoscimento malattia professionale della lista I, II o III dà diritto ai benefici contributivi. L'ONA offre assistenza medica gratuita e consulenza legale gratuita grazie al team di medici volontari e avvocati online gratis per la tutela dei diritti e della salute.

L'ONA assiste le vittime per la tutela dei diritti e della salute.

 

Contattaci e chiedi

consulenza e assistenza gratuita

numero verde per risarcimento danni patologie amianto inail

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti


Le patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle INAIL

L'INAIL è l’ente responsabile degli indennizzi amianto malattie. Le malattie amianto sono divise in 3 liste malattie professionali INAIL (tabelle malattie professionali INAIL o tabelle risarcimento danni), che vanno riconosciute ed indennizzate (indennizzo malattia professionale). Nella Lista I sono contemplate le malattie asbesto la cui origine lavorativa è di “elevata probabilità:

Per queste malattie, che si presumono di origine professionale, è sufficiente la prova della presenza dell‘asbesto amianto nell’ambiente lavorativo per ottenere il riconoscimento delle prestazioni previdenziali, senza dover superare alcune valore limite amianto (Cass., Sez. Lav., n. 23653/16), con liquidazione dell’indennizzo danno biologico e della rendita.

Nella LISTA II sono comprese le malattie causate dall’asbesto la cui origine lavorativa è di limitata probabilità (tabella malattie professionali), per le quali la vittima deve dimostrare il nesso causale per ottenere le prestazioni (rendita e/o indennizzo INAIL amianto, se il grado di invalidità riconosciuto è inferiore al 16% - malattia professionale Inail punteggio). 

La lista III comprende solo il tumore all’esofago, la cui origine lavorativa è ritenuta possibile (tabella risarcimento Inail). Inoltre, l'esposizione ad asbesto provoca una più alta probabilità di contrarre cardiopatie, problemi cardiovascolari e cardiocircolatori, oltre a numerose altre patologie. Per approfondire:


Prestazioni INAIL

I lavoratori affetti da patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle malattie professionali INAIL (malattie tabellate) hanno diritto a:

  • rendita INAIL: prestazione mensile che si ottiene nel caso in cui il grado invalidante non sia inferiore al 16% (punti invalidità Inail indennizzo)
  • indennizzo danno biologico INAIL:  in caso di danno biologico compreso tra il 6% e il 15% (punti invalidità Inail indennizzo)
  • maggiorazioni contributive: prolungamento della anzianità contributiva pari al 50% del periodo di esposizione con accesso al prepensionamento e aumento ratei pensione 
  • pensionamento immediato: in caso di asbestosi, tumore polmonare o mesotelioma (malattia professionale Inail tabellata) con il solo requisito di 5 anni contributivi di cui 3 negli ultimi anni

Le prestazioni sono reversibili in favore del coniuge superstite e/o dei figli e di altri famigliari in caso di decesso (reversibilità Inail). Nel caso l'ente voglia negare il diritto alla rendita, dovrà eccepire e poi dimostrare la esclusiva origine extraprofessionale delle patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle INAIL (inail malattie professionali riconosciute o malattie professionali tabellate).

L'entità delle prestazioni e rendite INAIL si basa sul punteggio INAIL malattia professionale. Se il grado invalidante riconosciuto è pari o superiore al 16% si ha diritto alla rendita INAIL malattia professionale (rendita Inail tabelle). 


Fondo Vittime Amianto

Le vittime di patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle malattie professionali INAIL (malattie tabellate), e i famigliari in caso di decesso, hanno diritto alla prestazione aggiuntiva di cui al FVA (in base all'art. 1, commi 241/246 L. 244/2007) purché il grado invalidante della patologia sia inferiore al 16%. Per approfondire:


Vittime del Dovere

Il personale civile e militare delle Forze Armate e del Dipartimento di Sicurezza affetto da patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle  INAIL (INAIL malattie professionali riconosciute) o causate da altri agenti patogeni hanno diritto al riconoscimento di Vittima del Dovere e alle relative prestazioni e benefici, con perequazione con i benefici riconosciuti alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata. Per approfondire: 

Risarcimento danni

La rendita INAIL costituisce un indennizzo e non un risarcimento dei danni (differenziali e complementari) subiti in seguito all'insorgenza della patologia (Cassazione, sezione lavoro, sentenza n. 777/2015). I danni differenziali e complementari si quantificano con il metodo equitativo puro o sulla base delle tabelle del Tribunale di Milano (calcolo rendita INAIL - calcolo risarcimento Inail - calcolo indennizzo inail).

Sia la vittima che i famigliari hanno diritto al risarcimento dei danni, sempre con quantificazione equitativa (malattia professionale risarcimento). L'azione di risarcimento va promossa con ricorso al Giudice del Lavoro, contro tutti i datori di lavoro (legittimazione passiva risarcimento danni amianto), responsabili dell'esposizione ad asbesto che è stata la causa malattia professionale riconosciuta (malattia inail - malattia professionale risarcimento).

In caso di lesioni gravi o decesso per malattie riconosciute come causa di servizio correlate all'esposizione ad asbesto, spetta il risarcimento dei danni sofferti, sia direttamente dalla vittima per la malattia (malattia inail), sia indirettamente dagli eredi in caso di morte del lavoratore assicurato (eredi lavoratore deceduto vittima asbesto).

Procedimento penale per risarcimento danni

Nel procedimento penale a carico degli imputati responsabili (dirigenti, componenti del consiglio dell'amministrazione, etc..), le vittime e i loro familiari possono costituirsi parte civile per il risarcimento danni da patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle malattie professionali INAIL della tabella Inail. 

Nel procedimento penale, le vittime di malattie professionali Inail hanno diritto anche a citare i datori di lavoro perché responsabili civili, per la condanna al risarcimento danni amianto. Il riconoscimento INAIL malattia professionale costituisce una prova su base indiziaria che può essere fatta valere nel procedimento civile nel risarcimento dei danni amianto (Cassazione, sezione lavoro, sentenza n. 5174/2015).


Malattie non tabellate

Il lavoratore vittima di patologie asbesto correlate non riconosciute nelle tabelle INAIL malattia professionale tabelle può dimostrare l'origine professionale e ottenere il riconoscimento malattia professionale INAIL (malattia inail) e il risarcimento INAIL.

Il lavoratore deve fornire la prova dell'esposizione asbesto e del nesso causale (in caso di decesso, l'onere spetta agli eredi, beneficiari della rendita in reversibilità - reversibilità Inail) per ottenere il riconoscimento malattia professionale non riconosciuta nelle tabelle Inail malattie professionali.

In caso di rigetto della domanda di riconoscimento delle patologie asbesto correlate non riconosciute nelle tabelle INAIL, la vittima (o  gli eredi) si potrà rivolgere al Giudice del Lavoro (tabella risarcimento danni e calcolo indennizzo inail).

Spesso viene contestata la malattia professionale in caso di lavoratore fumatore esposto ad asbesto. L'origine professionale deve essere comunque riconosciuta e la rendita accreditata, in quanto è sufficiente la concausa (ovvero il ruolo concausale dell'asbesto nell'insorgenza della malattia). Infatti, tutte le patologie professionali debbono essere riconosciute, indipendentemente dal loro inserimento nelle tabelle INAIL (Corte Costituzionale, Sentenze n. 179 del 18.02.88, e n. 206 del 25.02.88). 

Le tabelle malattie professionali INAIL (inail malattie professionali riconosciute - tabelle inail malattie professionali- calcolo indennizzo inail) non limitano i casi per i quali si ha diritto al riconoscimento dell'origine professionale della malattia. Il lavoratore può sempre dimostrare che la malattia ha avuto origine professionale per esposizione ad asbesto, anche in sinergia con altri agenti tossico-nocivi (malattie professionali riconosciute dall inail - malattie tabellate - inail malattie professionali riconosciute). Per approfondire:


HOME >> MALATTIE AMIANTO >> Patologie asbesto correlate riconosciute nelle tabelle INAIL