Le vittime amianto scrivono al Capo dello Stato

L’Osservatorio Nazionale Amianto, attraverso il suo coordinatore nazionale, Antonio Dal Cin, eroe della lotta contro l’amianto, vivo per miracolo ma invalido al 100% a causa di

asbestosi pleurica riconosciuta come causa di servizio e vittima del dovere, lancia un accorato appello al

Capo dello Stato, al Presidente del Senato, al Presidente della Camera e al Presidente del Consiglio perché

venga sanato lo scandalo del licenziamento del Sig. Nino Pulitanò, allontanato / licenziato perché ha chiesto

la bonifica del deposito di Via Mercalli a Reggio Calabria, ove vi era la presenza di amianto.

Di seguito la lettera di Antonio:

 

Avvocato Ezio Bonanni e Antonio Dal Cin

Preg.mo Sig. Presidente della Repubblica,

sono l’ex appuntato della Guardia di Finanza Antonio Dal Cin, ammalato di asbestosi pleurica, totalmente

inabile, con riconoscimento di causa di servizio e vittima del dovere, e ora Le scrivo dal mio luogo di malattia

sperando di poterla raggiungere e spezzare una lancia per Antonino Pulitanò, come peraltro già richiesto

dall’Avv. Ezio Bonanni, nostro presidente nazionale.

L’ONA infatti ha già richiesto l’immediato reintegro del Sig. Nino Pulitanò, licenziato perché in qualità di

responsabile della sicurezza e fratello di un altro ferroviere deceduto per malattia di amianto, aveva chiesto la

rimozione dei materiali di amianto, cosa che non è andata giù a Trenitalia, che lo ha licenziato.

I fatti dimostrano che, purtroppo, Nino Pulitanò aveva ed ha ragione, bastano i dati del ReNaM a dimostrare

che vi è in atto un fenomeno epidemico di patologie asbesto correlate tra i ferrovieri e che pertanto non

possono essere tollerati questi comportamenti illeciti, come quello di aver allontanato dal lavoro questo

scrupoloso rappresentante della sicurezza, che è quindi stato un martire ingiustamente licenziato.

Come lei ben sa, le cause vanno avanti per anni e nel frattempo questo lavoratore si trova privo di

retribuzione, schiacciato dal peso insopportabile dell’ingiustizia perpetrata da un’azienda pubblica.

Chiedo quindi a Lei, Sig., Presidente della Repubblica, di intervenire per arrestare questa attività illecita e

ingiusta nei confronti del Sig. Antonino Pulitanò, con l’auspicio che la Magistratura possa fare al più presto il

suo corso, anche per rendere giustizia alle migliaia di ferrovieri morti per patologie asbesto correlate (più di

500 casi di mesotelioma).

Confido in Lei, Sig., Presidente della Repubblica, perché in qualità di sommo garante della Costituzione possa

ristabilire quella condizione di dignità del lavoro contro coloro che espongono i lavoratori ad amianto

provandone malattie e morte e lo scrivente è un testimone vivente di questa situazione perché ha svolto

attività di servizio nella Guardia di Finanza, in luoghi attigui alla presenza di carrozze ferroviarie con amianto e

ciò ha determinato l’insorgenza di un’asbestosi pleurica mortale.

Spero che prima di morire si possa quantomeno sanare una condizione di rischio, da evitare per impedire che

altri possano soffrire le mie stesse pene con la lucida consapevolezza di dover morire per l’incuria e il

comportamento criminale di chi calpesta la nostra Costituzione,

Mi rattrista vedere che un onesto lavoratore e rappresentate della sicurezza, per aver chiesto il rispetto della

sacralità della vita umana contro il killer amianto, debba essere addirittura licenziato da un’azienda di Stato.

Spero in Lei, Sig., Presidente della Repubblica, l’Italia degli onesti spera in Lei.

 

Antonio Dal Cin

Vittima di asbestosi

 

Coordinatore nazionale Osservatorio Nazionale Amianto

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Fabio La Ferla (venerdì, 30 marzo 2018 00:18)

    Ottimo lavoro