Lo Stato dimentica l'amianto killer: 10 anni dalla pubblicazione

È giusto ogni tanto tornare sui propri passi per ricordare le occasioni più importanti e che hanno segnato in particolar modo la storia e l'impegno dell'Osservatorio Nazionale Amianto. Oggi infatti cercheremo di fare un salto indietro nel tempo per rivivere la presentazione del libro "Lo Stato dimentica l'amianto Killer"

Presentazione libro Trieste

Nel marzo 2009 è stato presentato il libro 'Lo Stato dimentica l'amianto killer', scritto dall'Avv. Ezio Bonanni, presenti nel tavolo della presidenza, la Sig.ra Santina Pasutto, vedova del Sig. Roberto Persich, il Dott. Roberto Riverso, all'epoca Giudice del lavoro del Tribunale di Ravenna, ora Consigliere della Corte di Cassazione; Aurelio Pischianz, Presidente della AEA FVG.

Il libro  fu dedicato, dall'Avv. Ezio Bonanni, a Roberto Persich, per ricordarne l'impegno, nella lotta contro l'amianto anche nel periodo in cui combatteva contro il dolore e la malattia, ma grande fonte di ispirazione è stata anche la storia di Silvio Mingrino  orfano di madre e padre a causa dell'amianto, che ha prima ucciso il padre lavoratore della Fibronit per poi togliere la vita alla madre colpevole solo di aver lavato le tute sporche di lavoro del marito.

Il libro è un duro atto di accusa contro lo Stato Italiano che ha permesso comportamenti criminali che hanno provocato la morte di migliaia di lavoratori e cittadini, vittime innocenti, sacrificate sull'altare del profitto.

L'idea del libro è nata 10 anni fa, subito la dopo la morte di Roberto Persich (01.08.2008), ma nonostante siano passati 10 anni dalla pubblicazione, è cambiato ben poco, le vittime continuano a morire e non ottengono giustizia.

Il mesotelioma  e le altre patologie asbesto correlate, continuano a decimare la classe dei lavoratori e migliaia di siti in italia attendono la bonifica.

 

Nell'agosto del 2008, è stata fondata l'Associazione ONA, che dal 2011 è presieduta dall'Avv. Ezio Bonanni, la più organizzata e indipendente associazione italiana di vittime dell'amianto, che, grazie al suo impegno, e a quello di migliaia di cittadini e volontari di tutto il territorio nazionale, combatte giornalmente per la legalità e la giustizia e per la prevenzione primaria, per sconfiggere le patologie asbesto correlate, evitando tutte le future esposizioni a polveri e fibre di amianto.

Scrivi commento

Commenti: 0