Indennità mensile di frequenza

L’indennità di frequenza è una prestazione economica su domanda (domanda indennità frequenza) per l’inserimento scolastico e sociale dei minori con disabilità fino al compimento della maggiore età. L'indennità mensile di frequenza viene erogata per tutta la durata della frequenza ai corsi, alla scuola o a cicli riabilitativi. L'annuale rivalutazione indennità mensile di frequenza è disciplinata dall'art. 54, comma 12, Legge 27 dicembre 1997, n. 449, calcolata sulla base dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di impiegati e operai. 

Assistenza gratuita per indennità mensile di frequenza

L'ONA, anche grazie all'Avv. Ezio Bonanni, offre assistenza legale gratuita e consulenze legali gratuite online per ottenere l'indennità mensile di frequenza.

L’ONA assiste le vittime invalidità civile per riconoscimento dell'indennità mensile di frequenza e le prestazioni assistenziali

 

Contattaci e chiedi

consulenza e assistenza gratuita

Numero verde ONA

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti


Requisiti indennità mensile di frequenza

L'indennità mensile di frequenza spetta ai cittadini italiani, stranieri comunitari ed extracomunitari con permesso di soggiorno annuale, residente stabilmente in Italia e minori di 18 anni cui sono state riconosciute difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della minore età, oppure della perdita uditiva superiore a 60 decibel nell'orecchio migliore nelle frequenze 500, 1.000 e 2.000 hertz, a seguito di accertamento sanitario. Altri requisiti per indennità mensile di frequenza comprendono:

  • frequentazione in maniera continua o periodica centri ambulatoriali, centri diurni anche di tipo semi-residenziale, pubblici o privati, operanti in regime convenzionale, specializzati nel trattamento terapeutico, nella riabilitazione e nel recupero di persone portatrici di handicap;
  • frequentazione di scuole pubbliche o private di ogni ordine e grado a partire dagli asili nido;
  • frequentazione di centri di formazione o addestramento professionale pubblici o privati, purché convenzionati, finalizzati al reinserimento sociale dei soggetti;
  • stato di bisogno economico;

Compatibilità

L'indennità di frequenza è incompatibile con qualsiasi forma di ricovero e con l’indennità di accompagnamento in erogazione o della quale i minori abbiano titolo in qualità di invalidi civili non deambulanti o non autosufficienti o ciechi civili assoluti. La prestazione è inoltre incompatibile con la speciale indennità prevista per i ciechi parziali e l’indennità di comunicazione prevista per i sordi prelinguali.

È comunque possibile optare per il trattamento più favorevole.

Ogni anno i titolari di indennità mensile di frequenza hanno l'obbligo di inviare all’INPS (tramite il loro tutore) una dichiarazione periodica relativa alla sussistenza dei requisiti di legge.

Come fare domanda

L'indennità di frequenza viene riconosciuta a seguito del riconoscimento della minorazione, previo accertamento medico-legale e rilascio del verbale sanitario. Il certificato medico introduttivo con il codice allegato, rilasciato dal medico di base, va inserito nella domanda di accertamento sanitario da inoltrare all’INPS telematicamente (sito INPS) o con l'assistenza ONA

Una volta ottenuto il certificato medico introduttivo e il codice allegato, è possibile presentare domanda telematicamente o con l'assistenza ONA, sia per i minori che per i maggiorenni. 

 

L’iter di riconoscimento si conclude con l’invio da parte dell’INPS del verbale di invalidità civile tramite raccomandata A/R. Una volta ricevuto il verbale con il riconoscimento della minorazione, il cittadino è tenuto a presentare telematicamente il modulo AP70

 

I minori titolari di indennità di frequenza, entro i sei mesi precedenti il raggiungimento della maggiore età, possono presentare domanda per il riconoscimento delle prestazioni economiche spettanti ai maggiorenni, senza obbligo di presentazione del certificato medico. L’INPS procede alla liquidazione in via provvisoria delle prestazioni economiche spettanti al compimento dei 18 anni, che vengono confermate dopo l’esito positivo del successivo accertamento sanitario e della presentazione del modello AP70. 

Non è possibile presentare una nuova domanda per la stessa prestazione fino a quando non sia esaurito l’iter di quella in corso o, in caso di ricorso giudiziario, finché non sia intervenuta una sentenza passata in giudicato, ad eccezione delle domande di aggravamento presentate dai malati oncologici.


Home Page >> Invalidità civile >> Indennità mensile di frequenza