Leopoldo Di Vico riconosciuto Vittima del Dovere dall'esercito italiano

Leopoldo Di Vico, luogotenente dell’Esercito Italiano, ucciso dall’amianto. Impegnato in missioni (in particolare in Kosovo) era stato esposto ad amianto e altri agenti cancerogeni che gli avevano provocato il tumore uroteliale che lo ha ucciso in data 16.03.2015, all’età di 58 anni, dopo anni di agonia.

Leopoldo Di Vico era stato insignito di 6 elogi scritti, n° 2 encomi, nominato Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana, con facoltà di fregiarsi delle relative insegne con Decreto in data 27/12/2008 e Registro all’Albo dei Cavalieri al n° 24178 Serie V.

Quando è morto, ai suoi funerali c’era anche la corona dell’Esercito Italiano, solo che in vita gli era stato negato il riconoscimento della causa di servizio e dei suoi diritti.

Ora, dopo tanti anni, l’Avv. Ezio Bonanni e l’Osservatorio Nazionale Amianto hanno ottenuto il riconoscimento del diritto.

È la stessa amministrazione ad aver riconosciuto di aver sbagliato e ad aver modificato il parere e quindi riconosciuto la qualità di vittima del dovere al Sig. Leopoldo Di Vico.

 

«Ho saputo in questo momento che l’amministrazione della difesa ha accolto le tesi dell’Avv. Ezio Bonanni, peraltro sostenute anche nel ricorso al TAR del Lazio contro l’iniziale delibera che aveva negato a mio padre il riconoscimento della causa di servizio e la qualità di vittima del dovere. Una vittoria della legalità e della giustizia che dà dignità alla memoria di mio padre. Mio padre è morto all’età di 58 anni dopo 4 anni di agonia. Era un uomo forte, alto più di un metro e novanta, una massa di muscoli, un granatiere, luogotenente dell’Esercito Italiano, impegnato in missione all’estero, tra cui Kosovo e Albania. Ha svolto il suo servizio con lealtà ed onore, esposto ad amianto, benzene, fumi di saldatura, polvere da sparo, uranio impoverito: un ambiente infernale di guerra, che gli ha provocato il tumore uroteliale che è stata la causa della sua morte. Nel momento della nostra disgrazia l’unica persona che ci è stata accanto è stato l’Avv. Ezio Bonanni che ha sempre creduto in questo risultato e ha combattuto in silenzio, con caparbietà e pazienza, ed è giunto al risultato. Quando mio padre era ancora in vita ci sono stati dei tentativi quantomeno penosi di farlo desistere: ricorso una riunione in Senato dove lui fu presente con l’Avv. Ezio Bonanni quale componente dell’Osservatorio Nazionale Amianto e gli venne detto: ‘si tratta di una battaglia persa, non vincerai mai contro lo Stato’. E venne aggiunto: ‘Di Vico morirà e anche le altre vittime dell’amianto continueranno a morire’. Dico a tutte le altre vittime e a tutte le vedove e agli altri orfani come me che bisogna avere fiducia nella giustizia e continuare a combattere al fianco dell’Osservatorio Nazionale Amianto. Continuerò comunque ad agire perché coloro che hanno provocato la morte di mio padre rispondano perché ci sia giustizia»

 

dichiara Mario Di Vico, figlio del luogotenente dell’Esercito Italiano Leopoldo Di Vico.

La famiglia riceverà la speciale elargizione di circa 225.000€ e delle prestazioni mensili per ognuno dei famigliari nella misura di circa €1.500 mensili.

 

«Ringrazio l’amministrazione per avere attentamente riesaminato il caso e di avere, con correttezza, riconosciuto (anche se in ritardo), la causa di servizio e la qualità di vittima del dovere del luogotenente Leopoldo Di Vico»

 

dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto e legale del Sig. Leopoldo Di Vico e poi, dopo il suo decesso, della vedova e dei due figli orfani

Questo provvedimento ridà almeno in parte dignità alla morte del luogotenente Leopoldo Di Vico, che ha dedicato la sua vita a tutti noi in qualità di militare impegnato in missioni all’estero. In questo momento, l’Osservatorio Nazionale Amianto ripensa a tutte le vittime dell’amianto e di altri cancerogeni nelle Forze Armate e rinnova l’appello perché ci sia, ora e nel futuro, un maggiore impegno nella bonifica e nella tutela della salute.

Scrivi commento

Commenti: 21
  • #1

    Michele TANCREDI (martedì, 20 febbraio 2018 21:20)

    Grazie Avv. Ezio BONANNI. Leopoldo riposa in pace.
    Un tuo carissimo collega.

  • #2

    Fabrizio Fabrizi (martedì, 20 febbraio 2018 21:33)

    Un ringraziamento particolare all'avvocato Ezio Bonanni è un bacione al grande Leopoldo che ci guarda da lassù e ci protegge da un amico oltre che collega

  • #3

    Michele galassi (martedì, 20 febbraio 2018 21:42)

    Giustizia e fatta, grazie all'avvocato , riposa in pace, e guarda ci e proteggici sempre da lassù
    Un tuo militare che gli hai insegnato tutto

  • #4

    Marco Sedda (martedì, 20 febbraio 2018 21:54)

    Grazie Avvocato Bonanni, finalmente si combatte per ricevere il giusto riconoscimento per chi ha dato la vita per lo Stato... e grazie alla famiglia che ha tenuto duro in tutto questo periodo. Siete il nostro esempio...

  • #5

    S.Ten. (R.O)A.De Luca (martedì, 20 febbraio 2018 22:12)

    Un Doveroso seppur Tardivo riconoscimento a un Grande Uomo,Collega che ha dato la Vita all'Istituzione. Un sentito Grazie all'Avvocato.Un Grande Abbraccio a tutta la Famiglia "Di Vico".

  • #6

    MORRA (martedì, 20 febbraio 2018 22:26)

    Un lampo nell'oscurita' dei diritti negati. Grazie Avv.Bonanni, un caloroso in bocca al lupo alla famiglia DI VICO ed un abbraccio all'amico Leopoldo compagno di giornate spensierate.

  • #7

    Franco Mattioli (martedì, 20 febbraio 2018 22:59)

    Grazie a tutti coloro che ci hanno creduto, in prima fila Mario e tutta la sua famiglia. Ciao Leo amico fraterno.

  • #8

    Pino Mura (martedì, 20 febbraio 2018 23:11)

    Caro Leopoldo, il primo diniego alle tue istanze sicuramente ti aveva ulteriormente debilitato. Peccato che questo riconoscimento sia arrivato in ritardo. Il tuo Avvocato ha fatto un lavoro encomiabile ed io sono felice per te è i tuoi cari.
    Ciao!

  • #9

    Stefano Romani (mercoledì, 21 febbraio 2018 06:22)

    Qualcuno leggittimamente potrebbe dire " finalmente giustizia" ma il ricordo che ho di te non è sbagliato tu per primo ridendo avresti risposto " vabbè a allora. Rimettiamoci al lavoro e A ME LE GUARDIE".
    R.I.P. Leo

  • #10

    PACELLI (mercoledì, 21 febbraio 2018 08:58)

    Onore al collega Leopoldo. Rimarrai sempre nel cuore di chi ti ha conosciuto . Riposa in pace

  • #11

    Francesco Di Biagio (mercoledì, 21 febbraio 2018 11:05)

    Era il minimo che le istituzioni potessero fare, onore a Leo; Sostieni le nostre cause dall'alto.
    Ciao grande toro.

  • #12

    Luigi (mercoledì, 21 febbraio 2018 13:04)

    Grazie avvocato per aver dato voce con successo a questa vicenda ... purtroppo Leopoldo non è più tra noi ....ciao Leo amico e collega.

  • #13

    Vincenzo Cinà (mercoledì, 21 febbraio 2018 14:39)

    Un nostro amico un nostro compagno del nostro 37° Corso Allievi Sottufficiali di Viterbo. Avrei voluto che tu fossi presente, l'8 di giugno 2018 festeggeremo il quarantennale e con l'occasione ricorderemo te amico mio e altri amici che ci guardano dall'alti cieli. Sarai sempre nei nostri cuori!!
    Vincenzo Cinà

  • #14

    Salvatore Esposito (mercoledì, 21 febbraio 2018 15:34)

    Non volevo credere alla tua dipartita appurata solo qualche giorno fa ma grazie ai legali ti è stato riconosciuto il maltolto lasciando un vuoto enorme tuo caro amico fraterno del nostro amato 37* corso AS ti porteremo nel cuore sempre

  • #15

    VIncenzo Ficaccio (mercoledì, 21 febbraio 2018 20:29)

    Grazie avvocato per aver dato una luce di speranza a tanti colleghi onore a te Leopoldo

  • #16

    Alfonso (mercoledì, 21 febbraio 2018 21:03)

    Riposa in Pace Leopoldo dopo aver combattuto VINCENDO una guerra contro chi non credeva ONORE a TE

  • #17

    Gaetano Leggiero 22/02/2018 (giovedì, 22 febbraio 2018 18:07)

    Grazie all'avvocato con la sua conoscenza e dedizione ha ottenuto un grandissimo risultato e alla famiglia di vico che deve darsi coraggio e andare sempre avanti xche Leo guarderà dallalto tutti noi che lo abbiamo conosciuto.

  • #18

    FRANCO Andrea (giovedì, 22 febbraio 2018 21:02)

    Finalmente giustizia è fatta.Un ringraziamento particolare va all'avvocato Bonanni e la mia totale solidarietà alla famiglia Di Vico,ed infine a te grande UOMO e collega detto il "TORO" veglia e proteggici da lassù.

  • #19

    Salvatore (venerdì, 23 febbraio 2018 11:45)

    Complimenti avvocato Ezio Bonanni. Un altro servitore della patria grazie a lei ha ricevuto giustizia.
    Vivo la stessa odissea, spero anch'io come suo assistito di aver presto giustizia!

  • #20

    Ilenia (sabato, 24 febbraio 2018 10:56)

    Questo risultato è stato raggiunto per merito dell'avvocato Ezio Bonanni, che con impegno e dedizione ha permesso alla La famiglia Di Vico di ricevere giustizia!

  • #21

    Mario (lunedì, 26 febbraio 2018 22:07)

    Sono uno dei 2 figli del toro scusate il ritardo volevo ringraziare tutti per le belle parole e vorrei ringraziare ancora una volta L avvocato Ezio Bonanni la battaglia non è finita io continuerò a lottare anche per tutte le persone che sono nella nostra situazione il TORO ci proteggerà da lassù e ci darà la forza per andare avanti