28 aprile: giornata mondiale vittime amianto

La mobilitazione dell'ONA e dell'Avv. Ezio Bonanni

28 Aprile, Giornata mondiale vittime dell’amianto. L'ONA e l'Avv. Ezio Bonanni continuano la loro battaglia contro l'amianto.

Sono ormai 26 anni dall'entrata in vigore della Legge 257/92 che ha messo al bando l'asbesto in Italia. Tuttavia, ce ne sono ancora 40 milioni di tonnellate che continuano a provocare lutti e tragedie.

L'ONA ha mappato l'amianto in Italia. Le forze politiche continuano, tutte, ad agire in modo demagogico. Dichiarano a parole di voler tutelare la salute dei cittadini dal rischio amianto e poi non fanno nulla, attaccate alle loro poltrone e sopratutto ai loro vitalizi.

L'Avv. Ezio Bonanni, recentemente, ha pubblicato il libro "Sicilia il libro delle morti bianche.  Cause, eventi e testimonianzeda cui risulta che l'amianto è ancora tutt'ora presente in un milione di micrositi e in circa 50 mila siti contaminati, in 2.400 scuole e in ospedali e altri edifici pubblici. 

Il quadro complessivo che emerge è abbastanza preoccupante, anche a livello sanitario. L'ONA ricorda che l'INAIL è in ritardo con la diffusione dei  dati sul mesotelioma: infatti, i dati dell'INAIL fanno riferimento a 21.463 i casi di mesotelioma maligno tra il 1993 e il 2012, di cui il 93% dei casi a carico della pleura e il 6,5% (1.392 casi) peritoneali, e oltre 6mila morti all’anno.  A livello regionale i territori più colpiti sono Lombardia (4.215 casi rilevati), Piemonte (3.560), Liguria (2.314), Emilia Romagna (2.016), Veneto (1.743), Toscana (1.311), Sicilia (1.141), Campania (1.139) e Friuli Venezia Giulia (1.006), ma questi dati sono soltanto parziali e vecchi. Infatti, non si può dare l'esatto quadro del rischio amianto se si fa riferimento ai soli casi di mesotelioma.

L'ONA contesta fortemente i dati dell'INAIL, perché non tengono conto di tutte le patologie asbesto correlate, sottovalutano il rischio e l'incidenza epidemiologica dell'esposizione ad asbesto in Italia, e quindi di fatto si ritarda la bonifica.

L'amianto provoca 100 mila morti nel mondo, di cui 6.000 in Italia. Oltre al mesotelioma, l'amianto provoca una serie di altre patologie:

Tutte le patologie da amianto

Poi ci sono una serie di altre patologie di cui non si tiene conto e che invece sono anch'esse provocate dall'amianto:

 

  • tumore amianto al cervello (Robinson et al., 1999; Omura,2006; Graziano et al., 2009; Reid et al., 2012);
  • Tumore amianto alla colecisti (Moran, 1992);
  • Tumore amianto al Colon-retto (Bianchi et al., 2007; Manzini et al., 2010; Reid et al., 2012);
  • Tumori Emolinfopoietici (Robinson et al., 1999; Omura, 2006; Bianchi et al., 2007; Graziano et al., 2009; Reid et al., 2012);
  • Tumore amianto all' esofago (Kanarek, 1989; Omura, 2006);
  • Tumore amianto alla laringe-lingua (Omura, 2006; Manzini et al., 2010);
  • Tumore alla mammella (Selikoff, 1974; Feigelson et al., 1996; Fear et al., 1996; Robinson et al., 1999; Omura 2006 & 2010);
  • Conferma dell'origine asbesto correlata del tumore all'Ovaio (Heller et al., 1996; Heller et al., 1999): amianto malattia;
  • Pancreas (Moran, 1992; Kanarek, 1989): malattia da amianto;
  • Mesotelioma al peritoneo tumore amianto (Moran, 1992; Heller et al., 1999; Pavone et al., 2012);
  • Tumore alla prostata (Moran, 1992; Feigelson et al., 1996; Stellman et al., 1998; Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003;  Bianchi et al., 2007; Reid et al., 2012): amianto malattia.
  • Cancro al rene tumore amianto (Bianchi et al., 2007);
  • Tumore allo stomaco amianto malattia: (Kanarek, 1989; Moran, 1992)
  • Tumore al testicolo cancro amianto: Manzini et al., 2010);
  • Tumore alla tiroide (Manzini et al., 2010): amianto malattia;
  • Tumore alla vagina-Vulva (Pukkala & Saarni, 1996): malattia amianto;
  • Tumore alla vescica (Bianchi et al., 2007; Graziano et al., 2009; Manzini et al., 2010; Pavone et al., 2012).

Tutte patologie amianto (tumori amianto) che si aggiungono a quelle del torace:

  • Tumore alla pleura (Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003; Graziano et al., 2009; Bayram et al., 2012; Reid et al., 2012);
  • Tumore amianto al polmone: Selikoff, 1974; Moran, 1992; Robinson et al., 1999; Koskinen et al., 2003; Graziano et al., 2009.

Patologie degenerative, non tumorali, malattie amianto:

  • Cuore (Miocardiopatia) (Omura, 2006; Reid et al., 2012);
  • Sistema nervoso centrale (morbo di Alzheimer & autismo) (Omura, 2006); (Sclerosi Laterale Amiotrofica) Omura, 2006).

 

La tutela legale: indennizzi INAIL e risarcimenti

Le vittime dell'amianto possono chiedere il riconoscimento dell'indennizzo INAIL e/o il riconoscimento di vittima del dovere (militari e comparto sicurezza) e risarcimento dei danni.

Scrivi commento

Commenti: 0