Prepensionamento amianto: che cos'è e come beneficiarne.

Pensione immediata lavoratori malati amianto

L'Osservatorio Nazionale Amianto - ONA ti assiste per il prepensionamento amianto. Pensione immediata per vittime asbestosi, mesotelioma e tumore del polmone.

 

Contatta l'Osservatorio Nazionale Amianto e chiedi la consulenza/assistenza gratuita

Numero Verde ONA


PREPENSIONAMENTO AMIANTO

I lavoratori vittime amianto malati di asbestosi, tumore dei polmoni o mesotelioma hanno diritto all'immediato pensionamento (prepensionamento invalidità), senza i limiti del grado invalidante, dell'età e dell'anzianità contributiva. 

 

- I requisiti -

I lavoratori, per essere collocati in prepensionamento amianto, debbono soddisfare le seguenti condizioni:

  • riconoscimento INAIL e/o causa di servizio per asbestosi, tumore dei polmoni e mesotelioma;
  • anzianità contributiva di almeno 5 anni di cui 3 negli ultimi 5;

Questi lavoratori possono chiedere di essere collocati in pensione immediata ovvero con effetto immediato.

 

- La legge prepensionamento amianto -

L'articolo 1, comma 250, della Legge 11 dicembre  2016, n. 232, ha accolto le richieste dell'Osservatorio Nazionale Amianto e dell'Avv. Ezio Bonanni e quindi ha sancito il diritto all'immediato pensionamento (prepensionamento amianto - pensione immediata vittima amianto) per quei lavoratori che non avessero ancora maturato i requisiti per il pensionamento al momento dell'insorgenza immediata e del riconoscimento dell'asbestosi, tumore dei polmoni o del mesotelioma quali malattie di origine professionale.

Infatti, queste patologie, come tutte le altre che sono causate dall'amianto, se riconosciute, danno diritto alle vittime amianto di accedere alle maggiorazioni amianto con l'art. 13 comma 7 Legge 257/1992, con il coefficiente 1,5. In altre parole, ogni anno di esposizione vale un anno e mezzo ai fini del prepensionamento, ovvero ai fini della rivalutazione della prestazione pensionistica in godimento.

Per saperne di più: Benefici amianto per i lavoratori affetti da patologie asbesto correlate riconosciute (art. 13 comma 7 Legge 257/1992)

In alcuni casi, però, se il lavoratore vittima è molto giovane oppure non arriva all'anzianità contributiva, dovrebbe continuare a lavorare, ovvero a tenere in essere il rapporto lavorativo fino alla maturazione del diritto a pensione immediata vittima amianto.

In questo modo, invece, può chiedere di essere immediatamente collocato in pensione.

La procedura di pensionamento immediato (pensione invalidità amianto) art. 1 comma 250 L. 232/2016 per le vittime amianto, può essere adottata solo se con l'accredito dei benefici amianto ex art. 13 comma 7 L. 257/92 (coefficiente 1,5) non si matura il diritto a pensione immediata vittima amianto. 

Con decreto del 18.07.2017, è stato regolato l'accesso al pensionamento amianto per le vittime che hanno ottenuto il riconoscimento di asbestosi, mesotelioma o tumore dei polmoni che dunque possono accedere alla pensione immediata di inabilità, dopo aver ottenuto dall'INAIL (ovvero dall'ente detentore della posizione assicurativa) il riconoscimento dell'origine professionale di una di queste tre patologie, senza limite di grado invalidante.

La circolare congiunta INPS e INAIL (n. 7 del 2018) ha dettato le regole per poter accedere al prepensionamento / pensionamento amianto: il prossimo termine per le domande è quello del 31 marzo 2019.

 

- Benefici amianto art. 13 comma 7 Legge 257/1992 -

Per i lavoratori esposti amianto vittime di patologie asbesto correlate che, con la maggiorazione con il coefficiente 1,5 per il periodo riconosciuto di esposizione, maturano il diritto a pensione immediata, non è necessario né conveniente attivare la procedura con l'art. 1 comma 250 Legge 232/2016.

Per i lavoratori che hanno ottenuto il riconoscimento di altre patologie asbesto correlate (leggi di più su: Tutte le patologie asbesto correlate) che non siano asbestosi, tumore del polmone o mesotelioma, l'unica immediata procedura attivabile è quella del riconoscimento dei benefici amianto ex art. 13 comma 7 L. 257/1992.

Il pensionamento immediato in base all'art. 1 comma 250 L. 232/2016 può essere attivato solo le vittime che hanno ottenuto il riconoscimento di una delle 3  patologie (asbestosi, mesotelioma, tumore dei polmoni) rispetto al numero più ampio.

 

- Istruzioni per il prepensionamento -

Le istruzioni dell’Osservatorio Nazionale Amianto per il deposito delle domande di prepensionamento (pensione immediata) vittima / vittime dell'amianto:

  • entrare nel sito INPS (clicca qui per accedere)
  • digitare su “Cerca” (in alto a destra) le parole “pensione di inabilità”;
  • si aprirà una schermata con alcune voci riportate all'interno di diverse finestre e cliccare anche qui su “Pensione di inabilità”:
  • a questo punto si aprirà una pagina dove vi verrà chiesto di accedere al servizio ed inserire i vostri dati, Codice Fiscale e PIN, quest’ultimo rilasciato dall'INPS oppure di una identità SPID o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

 


- L'Avv. Ezio Bonanni tutela le vittime -

L'Avv. Ezio Bonanni è il presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto: una vita dedicata alla difesa delle vittime dell'amianto in Italia.

- Consulenza legale gratuita -

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti



- Danni amianto: tutela e risarcimento -

L'INPS ha ritardato l'applicazione della nuova legge sul prepensionamento per le vittime amianto, fortemente voluta dall'Avv. Ezio Bonanni, che è riuscito a trovare una convergenza istituzionale tra tutte le forze politiche dell'arco parlamentare che, all'unanimità, hanno approvato l'articolo 1, comma 250, della Legge 232/2016. 

Ingiustificati ritardi hanno cagionato dei danni ai cittadini vittime amianto,che quindi possono rivolgersi all'associazione per la tutela dei loro diritti, ivi compresi quelli all'integrale risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali dovuti alla malattia professionale e, nei casi più drammatici, al decesso. 

Per saperne di più: Danni da amianto 


- Pensione di inabilità: approfondimenti -

Tutte le vittime amianto, se il loro grado di inabilità è tale da menomare fortemente la loro salute tanto da integrare i requisiti della pensione immediata di inabilità, possono comunque andare in pensione subito con le norme poste a presidio dei diritti di tutti i lavoratori (Legge 222/1994).

 

Leggi di più su: Pensioni di invalidità


>> Home Page >> Assistenza Legale >> Pensione immediata per i lavoratori malati di amianto